Cronaca 29 Luglio 2018

Marco Rossato, il velista disabile navigatore in solitaria a Livorno

Due giorni di incontri per festeggiare la tappa numero 50 di Marco Rossato

Marco Rossato, la tappa livornese del velista disabile che circumnaviga in solitaria l’Italia

 

Livorno, una due giorni di incontri per festeggiare la tappa numero 50 di Marco Rossato

Livorno – Marco Rossato, il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela in solitaria i mari italiani, con l’unica eccezione di Muttley, il suo inseparabile cagnolino, ha da poco lasciato il Lazio in direzione Livorno, città a cui approderà il 29 luglio e dove sarà accolto, con un caloroso brindisi, dai ragazzi dell’Allegra Brigata Special Olimpics presso lo Yacht Club Livorno, ore 16, in via del Molo Mediceo 21 (0586-896142).

Ma gli incontri per la 50° tappa della circumnavigazione del progetto TRI sail4all non finiscono qui: il 30 luglio alle 19, sempre allo Yacht Club Livorno, si terrà la conferenza dal titolo “Convenzione ONU per i diritti delle persone con Disabilità. La strada da percorrere per garantire i diritti di uguaglianza e di inclusione sociale a tutti i cittadini”, un nuovo evento promosso dall’associazione “I Timonieri Sbandati” e sostenuto, tra gli altri, della B. Braun.

Tra i relatori, oltre a Marco, Giulia Stampacchia – Prof. Dott.ssa Direttore Unità Operativa Complessa Mielolesi – Azienda Ospedaliera Pisana; il Responsabile Scientifico Istituto Superiore S. Anna; Claudio Rigolo – Presedente Associazione Sport Insieme Livorno; Fabrizio Tosi – Presidente Associazione Paraplegici Livorno; Pietro Proietti – Presidente Associazione Assofly Onlus.

Tanti gli ospiti invitati ad intervenire: autorità civili, militari e religiose della provincia di Livorno, il Presidente della Lega Navale Italiana sezione di Livorno, il Presidente Assonautica Livorno, il Presidente Lions Club Livorno, vari rappresentanti di associazioni sportive e paralimpiche toscane.

L’evento, aperto a tutti, sarà animato da “NEW CHOIR & Tornado Band Livorno” con il loro repertorio pop-gospel!

A seguire, schematizzati, i quattro obiettivi principali del progetto TRI sail4all al centro sia del viaggio in solitaria che si concluderà al salone di Genova a fine settembre sia delle successive tappe che Marco farà via terra con un camper attrezzato (questo perché vuole toccare anche quelle sedi di Lega Navale, centri e istituti dell’entroterra che non hanno uno sbocco sul mare):

  1. rilevare e verificare l’accessibilità dei porti italiani;
  2. diffondere i principi della convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità;
  3. lottare per una patente nautica uguale per tutti dove non ci siano restrizioni e limiti;
  4. sensibilizzare – soprattutto gli alunni delle scuole – sul tema dell’inquinamento del mare, in particolar modo sulla plastica sommersa, problema serio che sta affliggendo mari e oceani creando delle vere e proprie emergenze e devastazioni.

Proprio per controllare il livello di inquinanti, Marco preleva campioni di acqua utili a capire la condizione di “salute” del mare italiano. I campioni sono tre per ogni tappa – raccolti fuori dal porto, a metà strada durante la navigazione e al porto in arrivo; il primo campione del progetto è stato raccolto il 10 maggio fuori dal porto di Giulianova in Abruzzo.

L’obiettivo di diffondere in modo capillare i princìpi della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, è inoltre in perfetta continuità con il noto Progetto WoW (Wheels on Waves, ovvero “Ruote sulle onde”), che lo scorso anno ha visto Andrea Stella, amico di Rossato, vicentino anche lui, solcare le acque dell’Atlantico e poi del Mediterraneo con Lo Spirito di Stella, il primo catamarano accessibile a tutti.

Il viaggio di Marco Rossato può essere seguito su:

FacebookTwitterInstagramYoutubeVimeo e sul sito del progetto TRI http://www.sailforall.it/

CONDIVIDI SUBITO!