Ambiente 22 luglio 2019

“No al traffico di rifiuti verso la raffineria ENI”

Questa la posizione di Zero Waste Italy e Rifiuti-zero Livorno

Livorno – “Zero Waste Italy ed il Coordinamento provinciale Rifiuti-Zero Livorno (a cui aderiscono Legambiente, WWF, Lipu ed altre decine di associazioni e comitati locali) respingono decisamente la proposta di ENI e Regione per l’installazione di un gigantesco impianto di trattamento dei rifiuti all’interno della raffineria di Stagno, per trasformarli in gas e carburante.

Innanzitutto è da bocciare la vecchia concezione del mega-impianto a servizio di un’intera regione e oltre, capace di paralizzare il sistema di gestione dei rifiuti su tutto il territorio, come è successo in passato in Campania e attualmente nel Lazio.

E’ molto grave il livello di irresponsabilità che trapela da decisioni che prevedono di liberare un’area della Toscana dal problema dei rifiuti scaricandoli in blocco su un’altra zona, senza il minimo rispetto per i territori e le comunità che dovrebbero “sacrificarsi”.

Una gestione virtuosa deve invece prevedere impianti a filiera corta in ogni area della Regione, ovviamente secondo noi devono essere impianti di trattamento a freddo delle frazioni umide e secche, certo non raffinerie più o meno promosse da slogan ecologici, ma che comunque distruggono le materie di scarto anziché riutilizzarle.

Ci sembra incredibile anche che la Regione sia pronta ad approvare una modifica alla propria pianificazione sulla base di qualche comunicato stampa e di vuote promesse riguardanti future nuove tecnologie miracolose, senza uno straccio di piano industriale, di documento tecnico e di analisi sui possibili impatti ambientali e sanitari.

Ci appelliamo al Presidente ed ai Consiglieri regionali perché non si prendano la gravissima responsabilità di impegnare le istituzioni senza attendere la trasmissione e l’analisi scrupolosa e approfondita di simili progetti, inoltre chiediamo pubblicamente un incontro con i sindaci di Livorno e Collesalvetti, per rappresentare la necessità di respingere qualsiasi proposta che preveda un traffico di centinaia di migliaia di tonnellate l’anno di rifiuti provenienti da ogni dove in un’area SIN già gravemente compromessa dal punto di vista sanitario e ambientale, che necessiterebbe invece di bonifiche e progetti di riconversione e rilancio davvero puliti e sostenibili”.

Zero Waste Italy – Coordinamento provinciale Rifiuti Zero Livorno
CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento