Nogarin: “il Tar ha decetato la morte dell’autonomia dei comuni per la gestione dei rifiuti”

“Il PD getta la maschera, unico obiettivo privatizzare le aziende raccolta rifiuti”

Il commento del sindaco Filippo Nogarin, dopo la sentenza del Tar che mette a rischio il concordato di AAMPS.

Nogarin –  “La sentenza del Tar della Toscana non mette a rischio il concordato preventivo in continuità di Aamps: i creditori continueranno ad essere pagati regolarmente e il percorso di risanamento dell’azienda procederà senza sosta.

Ciò che il Tar per ora ha fatto, invece, è decretare la morte dell’autonomia dei Comuni per quanto riguarda la gestione del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Gli Enti locali dovranno sottostare alle direttive imposte dalla Regione e dall’Ato. E poco importa se queste direttive determineranno per i cittadini livornesi tariffe più alte, necessarie a garantire il “giusto profitto” al socio privato di Reti Ambiente.
Uno scenario che a me, da cittadino e da primo cittadino di Livorno, continua a non piacere.

E’ presto per dire come si comporterà l’amministrazione dopo la sentenza del Tar. Questo è il momento di studiarla a fondo e comprenderne le implicazioni sul medio e lungo periodo. Dopodiché decideremo come muoverci.

Non mi sorprende per nulla invece la reazione estasiata di autorevoli esponenti del Pd livornese e regionale. Finalmente hanno gettato la maschera: il loro unico obiettivo è privatizzare le aziende di raccolta e smaltimento rifiuti. Con buona pace degli interessi dei cittadini.
E qui sta tutta la differenza tra noi e loro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *