Cronaca 19 Ottobre 2020

Nuovo ospedale, “Criticità e mancanza di informazione”

ospedaleLivorno 17 ottobre 2020

Riportiamo la lettera inviata alla stampa cittadina e alle radio e tv locali dall’Osservatorio Trasformazioni Urbane in merito al nuovo ospedale

“Come Osservatorio Trasformazioni Urbane abbiamo inviato alle diverse autorità competenti, tre documenti in cui segnaliamo gli aspetti di criticità dell’iter adottato da Amministrazione Comunale livornese in relazione alla complessa operazione per brevità chiamata “ nuovo ospedale, e esprimiamo le motivazioni e i contenuti del nostro dissenso .

Il primo documento:

è inviato alla Garante regionale toscana della informazione e della partecipazione, titolato significativamente “un simulacro di partecipazione “.

Pensiamo infatti che un’ opera di tale impegno
1 – che richiede un complesso iter di variazione del vigente piano strutturale e dunque una adeguata valutazione di impatto urbanistico e ambientale,
2 – che prevede tra l’altro lo smantellamento di un parco pubblico la cui realizzazione è costata, 30 anni fa , 2 miliardi di lire,
3 – che implica un intervento pesante su un parco storico ( 1845 )
4 –  che comporta la dismissione dell’attuale ospedale di viale Alfieri,
meritasse un progetto serio di vera partecipazione della cittadinanza fin dalle prime mosse.

Invece, a scelte fatte e non condivise l’accordo di programma è sottoscritto nel giugno 2020.

A settembre 2020 con una conferenza stampa ci viene comunicato che entra nel vivo il percorso di informazione e partecipazione; in prima battuta definito di informazione e ascolto, promosso dal comune di Livorno in accordo con l’azienda USL Toscana nord ovest.

Il secondo documento:

è una istanza inviata alla Soprintendenza Archeologica, Belle arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno e al Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

L’istanza segnala l’inosservanza delle norme di conservazione dei beni storici architettonici di valore testimoniale.

Infatti viene intaccata pesantemente la morfologia dell’ospedale storico ( anni 30 )
distruggendo le gallerie vetrate che collegano i padiglioni e costituiscono la caratteristica tipologica del nosocomio livornese.

Subiscono pesanti variazioni per essere inglobati nella nuova struttura ospedaliera
i capannoni della ex Pirelli, fin qui “tutelati” ( sono state respinte proposte funzioni di parcheggi a servizio della zona ospedaliera che comportavano interventi molto leggeri).

Pesante è l’impatto sul parco storico ottocentesco noto come Parterre che dovrebbe essere soggetto a rispetto e tutela.

Il terzo documento:

è stato inviato alla Corte dei Conti per segnalare il sospetto di irregolarità nella gestione del denaro e del patrimonio pubblico, almeno da quanto è dato di conoscere attraverso le notizie di stampa.

Il 9 settembre 2020 veniva annunciato che il comune di Livorno, attraverso una operazione di permuta dai connotati vaghi, aveva provveduto a cedere un’area comprendente il parco pubblico in zona ex Pirelli, una striscia del Parterre,
i capannoni lungo via della Meridiana, gli edifici siti in viale Carducci: la palazzina oggi destinata a scuola, la sede dell’AUSER e l‘attuale sede degli uffici parchi e giardini.

L’operazione, strettamente legata al progetto nuovo ospedale, veniva compiuta senza predisposizione di varianti agli attuali strumenti di pianificazione.

Senza le varianti la costruzione della struttura progettata costituirebbe un grave abuso edilizio.

In assenza di variante e dunque senza variazione della destinazione d’uso risulta che:

il comune ha ceduto all’Azienda sanitaria (che dal ‘93 ha perso il carattere di organo della regione, per assumere a fine anni 90 la natura di ente pubblico economico con piena autonomia imprenditoriale); beni di demanio pubblico non alienabili (parco, edificio scolastico e sedi di uffici e magazzini pubblici )

Come se non bastasse il Comune per il carotaggio (finalizzato a quantificare il livello dell’inquinamento su terreni che sono stati alienati); sostiene una spesa che, a nostro avviso, toccherebbe ai nuovi possessori .

In conclusione:

ogni pretesa di coinvolgimento in processi tardivamente adottati che sembrano foglie di fico per nascondere l’irritualità e la dubbia correttezza amministrativa dell’intera operazione “ nuovo ospedale “ appare poco convincente
e non cambia la sostanza di un agire arrogante e decisionista che è l’opposto di una urbanistica trasparente e partecipata .

Di fatto la grande maggioranza della popolazione livornese:

non è stata messa in grado di capire le trasformazioni in progetto, che consistono tra l’altro nello smantellamento dell’ospedale storico; destinato a diverso e non ben definito uso,

Insomma non è stata adeguatamente informata del fatto che la nuova struttura non si aggiunge al vecchio ospedale ma lo sostituisce interamente ( fatto salvo l’ottavo padiglione )” .

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento