Cronaca 18 Marzo 2019

PCI su interdizioni porto di Livorno

“Non è un caso se il polverone che si è alzato sul porto di Livorno sia avvenuto proprio sul traffico dei ro ro, in cui l’Italia è la nazione con la maggior quota di traffico a livello mondiale e lo scalo labronico è il primo in Italia per tale traffico.

In questi anni grazie alla guerra economica e speculativa che si è scatenata a mare, gli armatori scaricano sui porti, e quindi sul lavoro portuale, i costi e i mancati profitti del loro core business, ricordiamo che Grimaldi è fra chi pensa che i porti non devono guadagnare, con tale tendenza si è modificata la composizione strutturale della filiera che trovava nel 84/94 il suo fondamento legislativo ,con la discesa a terra degli armatori e dei fondi di investimento che comprandosi terminal di fatto stanno privatizzando i porti.

Da questo contesto bisogna partire se si vuole capire quello che accade sulle banchine livornesi, la mancanza di spazi retro banchina che dovrebbero essere generati dalla costruzione della darsena Europa , e l’acquisizione da parte della toremar/moby di ltm autostrade del mare, e quella di sintermar dove all’interno del border vie è anche Grimaldi, essendo da prg quelli gli spazzi adibiti alla movimentazione dei ro-ro, ha fatto sì che gli accosti pubblici 14e/g/f in radice alla darsena toscana diventassero preziosi nelle dinamiche di mercato interne al porto di Livorno.

E’ evidente che per ragioni di spazio che ognuno tiene per i propri traffici e di concorrenza in termini di costi, che vi è un’utilizzazione privatistica della concessione, usata come arma nella guerra commerciale in atto, questo a differenza di quello che accade negli areoporti in cui le compagnie di volo non possono comprarsi o gestire gli scali, che rimangono pubblici.

Quello che ci interessa sottolineare nel caso delle interdizioni, al di là delle vicende giudiziarie, o interpretative della legge, sul come e con quali modalità debbano essere gestiti gli accosti pubblici, è il retroterra culturale sul quale tali vicende poggiano, negli ultimi trent’anni abbiamo assistito al dispiegamento dell’ideologia capitalista per cui solo il privato genera lavoro, e quindi tutto: risorse economiche e leggi devono essere messe a disposizione del mercato e del iniziativa privata che è diventata così il perno sul quale tutto ruota, emblematiche in questi giorni sono state le dichiarazioni del nuovo presidente di assoporti: quando afferma che le autorità portuali sono mediatrici di interessi che si districano fra il rispetto delle leggi e la capacita di non perdere traffici, e come se non bastasse aggiunge ”il punto sostanziale è un altro, bisogna riuscire ad adeguare le leggi perché riescano a marciare alla velocità delle dinamiche di mercato”.

Siamo convinti anche noi che il retro pensiero culturale con cui si sono mossi i vertici dell’autorità portuale, ma più in generale i funzionari pubblici, siano orientati nell’attuazione delle loro funzioni proprio da tale ideologia cosi come afferma il presidente di assoporti, ma è proprio su questo piano culturale e da questa prospettiva che derivano le distorsioni e le contorsioni a cui assistiamo continuamente.

Come Partito Comunista Italiano siamo convinti che sia necessario intraprendere una lunga e continua azione culturale per portare la collettività, i cittadini ed i lavoratori al centro delle logiche delle leggi e delle istituzioni, abbiamo bisogno di riportare al centro dei nostri pensieri l’uomo il cittadino ed introno costruire un mondo a sua misura, crediamo che sia necessario inaugurare un nuovo umanesimo non velleitario fondato sugli interessi dei molti, e che questo non potrà che non passare da una nuova stagione di lotte di classe, di conflitti sociali, per l’emancipazione ed il progresso della società”.

Direttivo Partito Comunista Italiano

CONDIVIDI SUBITO!