Piombino 9 Febbraio 2022

Piombino, i sindacati incontrano la direzione JSW

Acciaierie di Piombino

Acciaierie di Piombino

Piombino (Livorno), 9 febbraio 2022

FIM-CISL FIOM-CGIL UILM-UIL provinciali hanno incontrato stamani  la Direzione JSW Piombino; un incontro che, com’era facile immaginare, è stato poco più che interlocutorio, seppur utile per un aggiornamento senza con questo svuotare di significato e importanza il Tavolo Ministeriale, che per le Organizzazioni Sindacali resta quello ufficiale e per il quale attendiamo da troppo tempo l’impegno speso di una rapida riconvocazione.

All’incontro odierno con i segretari Fim-Fiom-Uilm provinciali erano presenti per il gruppo JSW: il vicepresidente Marco Carrai, il presidente Bubbar, il direttore Asawale e il direttore del personale Luca Faenzi.

“Siamo stati informati che dopo mesi di due-diligence, Invitalia ieri per la prima volta ha espresso un’ipotesi di valutazione sul valore dello stabilimento.

 

Un’ipotesi che, a detta del gruppo JSW è ancora lontana dai valori immaginati dalla proprietà durante i confronti tenutisi con Invitalia in questi mesi.

Il confronto con l’Agenzia di Stato, secondo i dirigenti JSW, comunque prosegue ed è prevista nelle prossime ore una call per valutare se esistono spazi per ulteriori controproposte e trattative.

Il gruppo indiano dichiara, vista anche la congiuntura favorevole del mercato dell’acciaio e la decisione d’insediarsi in Europa, d’essere intenzionato ad investire comunque a Piombino.

Una dichiarazione che stride con una realtà che, le OOSS hanno rappresentato, ossia che fino ad oggi Jindal è stato totalmente inadempiente senza rispettare nessuno degli impegni assunti con i lavoratori e con il territorio, che si sente totalmente tradito.

Adesso è il momento di andare oltre gli sporadici annunci ed impegni. Questi ulteriori 12 mesi d’ammortizzatori, conquistati principalmente grazie alla caparbietà del sindacato, devono essere propedeutici a mettere in campo azioni ed investimenti concreti. L’obiettivo delle Organizzazioni Sindacali Fim-Fiom-Uilm resta la tutela del polo siderurgico piombinese e di migliaia di famiglie. Non ci siamo mai potuti scegliere gli imprenditori né abbiamo fatto il tifo per alcuni, semmai ci siamo battuti – e saremmo pronti a farlo ancora- per costringere a passare la mano a tutti quelli che a dispregio delle promesse portavano il territorio e i lavoratori al disastro.

Alla politica come in passato spetta il compito di indicare la strada per uscire dallo stallo. Con Jindal (che rimane uno dei gruppi siderurgici leader mondiali) o senza Jindal, serve un progetto che rilanci la produzione di acciaio, salvaguardi il prodotto strategico che esce dalle nostre linee di laminazione e continuiamo ad immaginare che, essendo l’Italia un paese importatore di coils, esista un mercato interno e magari possibili sinergie con le altre realtà siderurgiche piombinesi. Fin da subito Fim-Fiom-Uilm autonomamente si confronteranno con le proprie RSU e strutture, per una valutazione degli esiti dell’incontro attuale, in previsione del consiglio di fabbrica previsto la prossima settimana.

FIM-CISL FIOM-CGIL UILM-UIL provinciali

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione