Cronaca 29 Giugno 2022

Polo della Salute SVS, amplia spazi e servizi. Presentato il progetto servizi per le cronicità

Livorno 29 giugno 2022

Ampliamento spazi e servizi al Polo della Salute di SVS in via San Giovanni 30 terzo piano

Gli anni della Pandemia hanno reso evidente quanto sia necessario rafforzare proprio sul territorio lo spazio dedicato ai servizi sanitari e sociosanitari sia nelle strutture che a domicilio e che questo, a nostro avviso, potrebbe essere offerto in modo importante da quanti, tra i soggetti del Terzo Settore e del Privato Sociale, già lavorano nel Sistema in collaborazione e non certo in concorrenza con il Servizio Sanitario Regionale e con le ASL.

Dall’aumento dei bisogni di questi ultimi anni e dalle stesse richieste da parte dei cittadini si è resa necessaria per SVS una riflessione ai fini di un rafforzamento dell’offerta dei servizi e degli spazi dedicati al POLO per la SALUTE, nonché della stessa attività domiciliare collegata.

Da qui è nata l’idea della totale ristrutturazione del Terzo piano di via SAN GIOVANNI 30. Un nuovo investimento dedicato alla salute dei livornesi, alla prevenzione e cura delle diverse patologie.

Da oggi infatti ben due interi piani del palazzo storico della SVS di via San Giovanni sono dedicati al Poliambulatorio che nel tempo si è arricchito di nuovi professionisti.

Tale importante ampliamento al terzo piano, ultimati i lavori, ha già ricevuto l’accreditamento di qualità da parte di REGIONE TOSCANA come tutta la struttura ambulatoriale sottostante ed è collegato e raggiungibile dal secondo piano, sede storica del POLO per la SALUTE, attraverso le poche scale interne alla stessa struttura sanitaria, oppure utilizzando l’ascensore.

Qui sono stati organizzati tre grandi nuovi ambulatori ed una FISIOTERAPIA completamente RINNOVATA oltre a trovare spazio ed arredo una sala d’attesa e nuovi spogliatoi e bagni per tutti gli operatori del POLO per la SALUTE.

Tra gli ambulatori uno sarà per il primo anno dedicato all’Ambulatorio delle Cronicità, un progetto che nasce proprio dalla analisi dei bisogni e delle richieste dei cittadini e che ha l’ambizione di divenire progressivamente un punto di riferimento e scambio sia con i MMGG che con le strutture della ASL sul territorio, quale supporto ulteriore al sistema sanitario del nostro territorio.

CENTRO PER LE CRONICITÀ: tutela della salute per le persone affette da malattie croniche per il territorio di Livorno e della sua Provincia.

 

Il PROGETTO della durata di un anno sarà offerto da SVS- PUBBLICA ASSISTENZA grazie alla collaborazione VOLONTARIA di tre medici esperti nella materia ed alla collaborazione del POLO SALUTE SVS che mette a disposizione locali, personale infermieristico, personale per appuntamenti ed attrezzature per la gestione del progetto con il solo contributo di 36,00 Euro, a solo titolo di rimborso spese per i costi di struttura.

Gli appuntamenti, secondo le agende degli specialisti, si potranno prenotare dal mese di luglio allo 0586 896040 interno 1 oppure direttamente sul portale, collegandosi al sito www.polosalute.it

Scopo del progetto è quello di contribuire al miglioramento della tutela della salute per le persone affette da patologie croniche.

Il progetto, che vorrà abbracciare progressivamente la gestione della cronicità correlata alla malattia cardiovascolare e l’insufficienza cardiaca, all’insufficienza respiratoria BPCO, alle malattie reumatiche croniche ed alle malattie neurodegenerative, muove il primo passo con la gestione della insufficienza renale cronica e delle sue comorbilità a partire dalla ipertensione arteriosa con un progetto sperimentale a titolo gratuito.

La malattia renale cronica è caratterizzata da tre aspetti peculiari e, allo stesso tempo, paradossali:

È una patologia comune e con alti costi sanitari, ma c’è ancora generale scarsa consapevolezza della sua importanza e del rischio cardiovascolare correlato.
È una malattia ad alto rischio di morbilità e mortalità, ma è sotto-diagnosticata; in particolare, di grande rilievo è la recente osservazione che, a livello mondiale, nelle ultime due decadi è quasi raddoppiata la mortalità correlata a questa malattia, con l’aumento dei tassi di mortalità che si pone al terzo posto dopo quanto osservato per HIV-AIDS e Diabete Mellito.
Sebbene la progressione della malattia renale ed il rischio cardiovascolare a essa associato siano suscettibili di significativo miglioramento con la terapia, la malattia renale cronica (e la correlata ipertensione arteriosa) è ancora oggi una patologia sotto-trattata.
Oltre la metà dei pazienti affetti da malattia renale cronica soffre di ipertensione arteriosa e

L’ipertensione arteriosa può contribuire all’evoluzione della nefropatia.
L’ipertensione arteriosa accresce il rischio di sviluppare malattie cardiache.
Seguire la terapia con attenzione e tenere sotto controllo la pressione arteriosa può aiutare a prevenire tali complicazioni.
Queste caratteristiche impongono un approccio multidisciplinare alla malattia renale cronica con il coinvolgimento essenziale dei Medici di Medicina Generale (MMG), del nefrologo, del cardiologo e dell’esperto in ipertensione arteriosa al fine di programmare strategie efficaci per la prevenzione, diagnosi e cura di tale patologia.

A questo scopo nasce l’esigenza di creare al Polo Salute del SVS di Livorno, all’interno di un progetto “Gestione della cronicità clinica renale e cardiovascolare”, un Centro di riferimento per la Prevenzione, Diagnosi e Cura della Malattia Renale Cronica e delle

sue comorbilità per il territorio della città di Livorno e della sua Provincia. L’attività che ha lo scopo di proporre una virtuosa collaborazione pubblico-privato, verrà coordinata da una equipe di nefrologi ed ipertensiologi esperti afferenti al Polo Salute della SVS:

I Dottori Roberto Bigazzi, Stefano Bianchi e Marco Gonella.





CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
EKOM, promozioni 19 luglio-1 agosto
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione