Chiesa 24 Dicembre 2019

Polo per famiglie disagiate in Corea, Il Vescovo Giusti:” Via i vincoli dell’elettrodotto per costruire”

Vescovo di Livorno Monsignor Simone Giusti

Vescovo di Livorno Monsignor Simone Giusti

Livorno 24 dicembre 2019 – Polo per famiglie disagiate in Corea e vincoli di costruzione per alloggi dovuti al vicino elettrodotto, è questo uno dei temi che il Vescovo di Livorno Monsignor Simone Giusti ha toccato durante gli auguri di Natale 2019 presso la nuova sede cittadina della Caritas.

Al Vescovo e a suor  Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas riuscire a costruire un villaggio dove poter dare un tetto a persone e famiglie che ne sono sprovviste  è un tema che stà molto a cuore.

Suor Raffaella Spiezio: “La casa è sempre l’ultimo step tra gli aiuti che vengono dati a chi vive nella povertà ma noi vorremmo fare al rovescio, dare un tetto, un ambiente familiare e accogliente a chi non ha più niente e da lì permettere di ripartire per ricostruire la propria vita e la propria dignità”

Il Vescovo di Livorno Monsignor Simone Giusti prendendo la parola parla dell’elettrodotto presente nell’area e facendo riferimento alla chiusura della centrale Enel del Marzocco e si domanda:  “Se la centrale elettrica non produce più corrente e non c’è l’intenzione dell’Enel di riattivare in futuro la centrale, significa che da quest’elettrodotto nell’area di costruzione del nuovo polo non passa più corrente”.

Qundi seguendo questa logica il Vescovo – “Se così fosse dovrebbero essere tolti i vincoli  a non sostarci sotto più di tante ore  e per procedere con  le costruzioni chiede che Arpat controlli se effettivamente da quell’elettrodotto non passa più corrente ed in caso affermativo che la politica sblocchi le licenze edilizie”.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento