Cronaca 10 Luglio 2021

Proteste e “assalto alla Prefettura” 20 condanne definitive. L’intervento di Potere al Popolo

assalto alla prefetturaLivorno 10 luglio 2021

Potere al Popolo Livorno con il comunicato che riportiamo integralmente interviene sulle 20 condanne in via definitiva ricadute su 20 compagni relative alle proteste di 3 giorni culminate con l’assalto alla Prefettura nel 2012

“Assurde condanne in carcere a molti compagni del Movimento livornese e ad altissime spese processuali”

“Sono state incredibilmente confermate in forma definitiva le condanne nei confronti di oltre 20 compagne e compagni in relazione alle tre giornate che, tra il 30 novembre ed il 2 Dicembre 2012, scandirono l’atmosfera politica livornese.

Ci riferiamo alle giornate culminate con quello che nel pensiero metafisico poliziesco e giudiziario viene definito “l’assalto alla prefettura”. Fatto che dimostra piuttosto esplicitamente una certa volontà di separare cause, effetti e conseguenze.

I fatti di cui parliamo pongono le proprie radici nel 30 novembre, giorno nel quale si assistette ad una protesta totalmente pacifica presso la stazione marittima durante un comizio pubblico del Partito Democratico; la presenza di meccanismi e forme di contrasto nei confronti del marketing politico portato avanti in città dal partito al potere che sosteneva il governo Monti, fu considerato evidentemente inaccettabile, pur dinnanzi ad una protesta completamente pacifica.

Gli eventi successivi furono totalmente fuori luogo; cariche assolutamente immotivate e violenza ingiustificabile costituirono lo sfondo di questo episodio.

Il resto delinea un quadro contraddittorio, preoccupante e sinceramente malsano per la vita democratica; il primo Novembre fu indetto, dalle realtà politiche e sindacali cittadine, un presidio molto partecipato con lo scopo di contestare e criticare le decisioni della questura, la quale decise, di reprimere nuovamente il dissenso, in questo caso agendo al termine del presidio, quando oramai una discreta quantità di persone non erano più presenti.

Il giorno seguente fu convocata una manifestazione aperta a tutta la cittadinanza che ruppe gli argini della semplice protesta per diventare un episodio/fenomeno di massa, all’interno del quale diverse migliaia di livornesi espressero il loro rifiuto per gli attacchi polizieschi visti nei giorni precedenti, in favore della libertà di dissenso, troppe volte stigmatizzata, limitata e ridimensionata in questo paese.

Alcuni condannati appartengono al nostro collettivo, molti altri all’ Ex Caserma Occupata, segno evidente di una volontà di colpire una specifica area politica cittadina a fronte di migliaia di partecipanti.

 

La volontà politica di repressione è evidente: in questi giorni è arrivato l’ordine di carcerazione per alcuni compagni, tra i quali l’ex coordinatore nazionale per Potere al Popolo e nostro candidato alle ultime elezioni politiche per la Camera, e da sempre impegnato a livello sociale, sindacale e politico in città e a livello nazionale dove ultimamente sta sostenendo le lotte dei portuali italiani.

Quello che colpisce non è solo la repressione a livello penale, ma anche quella economica.

La sentenza parla di quasi 80 mila euro di spese imposte dalla corte di Cassazione che ha ritenuto immotivati i ricorsi degli imputati nonostante il parere favorevole della stessa accusa!

Su questo torneremo all’uscita delle motivazioni, e come se non bastasse, la Corte di Appello si è “dimenticata” di rispondere alle richieste poste dagli avvocati della difesa in merito ai risarcimenti.

La stessa accusa ha dato ragione alla difesa su questi temi, ma per i giudici della Cassazione tutto questo è parso regolare, e anzi meritevole di oltre 50 mila euro di multa per la sola volontà degli imputati di presentare ricorso.

La sentenza non rispecchia minimamente un sistema giudiziario indipendente e democratico, ma è più simile a quei sistemi controllati dalla politica che vogliono reprimere ogni voce di dissenso aggirando anche il diritto ad un processo equo.

Da parte nostra la totale solidarietà a tutte e tutti le/gli imputatx, e la richiesta a chiunque, di dare un contributo economico di solidarietà per le spese processuali di quasi 80 mila euro a cui i compagni livornesi sono stati condannati”.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione