Politica 24 Giugno 2020

Regionali Toscana: “Uniti contro la destra”, Galletti (M5S) risponde a Enrico Rossi

Irene GallettiToscana, regionali 2020 – Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi chiedeva ai 5 stelle di unirsi per battere la destra alle prossime elezioni.

Così scriveva Enrico Rossi:

“La destra è divisa su tanti temi ma ha il dono e la capacità di unirsi di fronte alle scadenze elettorali.
È accaduto anche questa volta.

Puntualmente Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia sono alleati alle elezioni regionali e hanno candidati condivisi.

La sinistra invece è affetta dalla malattia del farsi male.

Poco conta che questo virus colpisca una volta l’una e una volta l’atra formazione, il risultato è sempre di favorire la destra che dovrebbe essere l’unico vero avversario.

E i 5stelle? Governano a livello nazionale con il PD, ma alle regionali, dove le intese sarebbero certamente più facili, vogliono mantenere la loro purezza e giocare in solitario.

Io, al loro posto non sarei così sicuro che, restando neutrali in uno scontro che sarà durissimo -anche perché influenzerà le sorti del governo nazionale-, si facciamo gli interessi dei cittadini che si intende rappresentare.

Come si diceva una volta “Hic Rodhus hic salta”.

La mia proposta è: uniti contro la destra.

Ne vogliamo parlare? O c’è chi , dentro il PD e il M5stelle, aspetta risultati negativi alle elezioni per usarli per le lotte interne ai propri partiti?”

La risposta di Irene Galletti, candidata M5S a governatore della Toscana:

 

“Caro presidente Rossi, caro Enrico, tu confondi l’alternativa con la neutralità.

Noi non siamo neutrali, siamo alternativi.

Alternativi intellettualmente a una destra razzista e autarchica, convinta che il mondo inizi e finisca a Cascina, questo è certo.

Ma anche alternativi a un Partito Democratico che, soprattutto in Toscana, ha rinunciato a innovare in nome della difesa di piccole rendite di posizione.

Noi per ora non governiamo la Toscana, ma se lo facessimo l’acqua sarebbe davvero un bene comune, pubblico e a costi contenuti.

I rifiuti sarebbero inseriti in un ciclo virtuoso fatto di impianti di trattamento e non di incenerimento.

La sanità territoriale verrebbe valorizzata e non mortificata o smantellata.

Ci sarebbe un piano per portare la banda larga dall’Amiata, alla Gorgona, fino in cima all’Abetone.

E le grandi opere in cantiere sarebbero quelle utili ai pendolari della costa o necessarie a collegare il centro e le periferie.

Non è “purismo”, come dici tu.

E’ semplicemente una visione diversa, sia a quella della Lega, sia a quella del candidato di Italia Viva.

Non abbiamo scelto noi di essere alternativi. Siete voi che ci avete costretto. E continueremo ad esserlo con orgoglio, profonda volontà di cambiamento e impegno concreto”.

Il Movimento 5 Stelle di Livorno tramite Stella Sorgente ci fa sapere la sua posizione, con un commento di poche parole:

“Io condivido in pieno il pensiero scritto dalla nostra candidata alla presidenza della regione Toscana Irene Galletti”

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione