Provincia 5 Novembre 2020

Reparto covid a Cecina, Cgil: “No all’indebolimento di medicina. Servono piu’ assunzioni e nuovi posti letto”

rianimazione_ospedale_covid_coronavirus (3)

Immagine di archivio, foto Asl Toscana Nord Ovest

Cecina, 5 novembre 2020

“Apprendiamo dalla stampa che all’interno dell’ospedale di Cecina sarà realizzato un reparto dedicato esclusivamente ai positivi al Covid-19 con posti letto e personale prelevati direttamente dal reparto Medicina.

 

Sottolineiamo innanzitutto con dispiacere che l’Asl Toscana nordovest non ci ha minimamente coinvolti in questa sua decisione:

 

ancora una volta, purtroppo, è mancata la volontà da parte dell’azienda di aprire un confronto.

Il piano di riorganizzazione interna disposto dall’Asl ci vede nettamente contrari.

Per far funzionare al meglio il nuovo reparto Covid-19 l’Asl dovrebbe procedere all’assunzione di nuovo personale e alla disposizione di nuovi posti letto.

Non è affatto giusto togliere personale e posti letto da Medicina: in questo modo il reparto verrà ulteriormente indebolito.

La decisione dell’Asl è inspiegabile, anche alla luce dei nuovi spazi che si guadagnerebbero a seguito del trasferimento di alcune strutture amministrative presso l’ex scuola Guerrazzi.

La riorganizzazione voluta dall’Asl colpisce oltretutto Medicina in un periodo assai delicato: a causa del picco influenzale i posti letto del reparto vengono infatti generalmente presi d’assalto.

A destare preoccupazione è anche il futuro di Medicina. Se la pandemia continua a crescere temiamo che questo reparto sarà di fatto cancellato per lasciar esclusivamente spazio ai positivi al coronavirus: tutto ciò sarebbe inaccettabile.

Denunciamo inoltre con rammarico come il personale di Medicina assegnato al nuovo reparto Covid abbiano saputo di questa riorganizzazione soltanto all’ultimo momento.

L’Asl sposta lavoratrici e lavoratori da una parte all’altra come se fossero dei pacchi: tutto questo è inaccettabile.

 

All’Asl chiediamo inoltre maggiori chiarimenti in relazione al tipo di formazione che riceverà il personale assegnato al reparto Covid.

Apprendiamo infine che un posto letto Covid è stato ricavato anche all’interno del reparto di Rianimazione.

Anche per questo delicato reparto chiediamo perciò all’Asl l’assunzione di nuovo personale sociosanitario e infermieristico.

E’ inoltre fondamentale che all’interno del reparto di Rianimazione si garantisca il rispetto di un adeguato protocollo al fine di garantire la sicurezza dei pazienti e del personale operativo.

All’Asl chiediamo dunque un sensibile cambio di marcia.

Riteniamo assurdo che si propongano contratti di soli 6 mesi: servono risposte occupazionali solide e assunzioni dalle graduatorie.

E’ inaccettabile inoltre che l’azienda continui a prendere decisioni senza coinvolgere chi rappresenta i lavoratori e i loro problemi.

Chiediamo perciò con forza di poter partecipare alle unità di crisi per dar voce al mondo del lavoro:

non si può tagliare fuori dalle decisioni chi tutti i giorni è in prima linea”.

Monica Cavallini, vicesegretaria generale Cgil provincia di Livorno

Simone Assirelli, funzionario Fp-Cgil provincia di Livorno con delega alla sanità

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento