Collesalvetti 1 Dicembre 2020

Riconversione Eni, Legambiente propone una centrale eolica

Livorno 1 dicembre 2020

Legambiente Livorno – Circolo “Achille Luckenbach” sulla riconversione ENI di Stagno propone una grande centrale eolica in partnership con il porto:

 

eolico“La strada giusta per salvare i posti di lavoro della raffineria ENI e contemporaneamente tutelare l’ambiente e la salute di tutti non potrà essere quella che prevede un mega-inceneritore di rifiuti, che garantirebbe solo poche decine di assunzioni e oltretutto inquinerebbe pesantemente un’area SIN già gravemente colpita.

Così come non potrà mai funzionare un impianto di produzione di carburanti da olio di palma e derivati, perché l’Europa ha già messo al bando questo tipo di investimenti, dato che producono, a causa della deforestazione, addirittura il triplo di CO2 rispetto alle fonti fossili.

Dobbiamo guardare alle vere energie rinnovabili. L’eolico, ad esempio, ha già creato 300mila posti di lavoro in Europa e nei prossimi anni ne creerà almeno altri 150mila.
In Italia si stima che gli impianti eolici daranno occupazione ad almeno altre 67mila persone.
La stessa ENI sta già investendo in parchi eolici in Italia e all’estero.

Perché non pensare ad una partnership tra ENI ed il porto di Livorno per la produzione di energia eolica, come stanno cercando di fare ad Augusta e come stanno già facendo in molte altre città d’Italia e del mondo?

Soluzioni come questa sono a portata di mano, le istituzioni stanno dirottando fondi e stanziamenti per miliardi di euro verso il settore delle vere energie rinnovabili.

Migliaia di posti di lavoro garantiti per decenni, senza inquinare. Non perdiamo questa occasione inseguendo finte soluzioni già vecchie e destinate a naufragare miseramente”.

CONDIVIDI SUBITO!
Banner laboratorio ottico Labrolens
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Ekom, promozioni 28 settembre-11 ottobre
SVS 5x1000
Inassociazione
Ekom, promozioni 12-25 ottobre