Ambiente 21 Luglio 2018

Rifiuti-zero Livorno: “Aamps faccia più attenzione alle esigenze degli utenti”

Bene il porta-a-porta, ma Aamps faccia più attenzione alle esigenze degli utenti.
Rifiuti-zero Livorno – “L’ultima indagine ISTAT ha reso noto che più del 62% dei cittadini italiani è ormai servito da una raccolta dei rifiuti svolta con modalità porta-a-porta, un metodo che si afferma sempre di più perché si è dimostrato l’unico in grado di raggiungere e superare il livello di raccolta differenziata obbligatorio per legge.
Il Comune di Livorno e l’Aamps hanno infatti confermato in questi giorni che, grazie all’estensione progressiva del porta-a-porta in città, è stato già superato il 50% di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani raccolti. Quando il nuovo sistema arriverà a coprire anche il centro storico, finalmente Livorno sarà in regola con la legge, che prevede almeno il 65% di raccolta differenziata, evitando così le sanzioni (previste in forma di tributi speciali e addizionali) e riducendo costi e inquinamento.
Le direttive dell’amministrazione comunale a proposito della necessità di aderire alla strategia Rifiuti-Zero, in cui il porta-a-porta è solo il primo passo di un percorso che dovrà arrivare in breve tempo alla chiusura dell’inceneritore, stanno quindi cominciando a produrre i loro effetti positivi.
L’ISTAT ha anche rivelato che oltre l’88% dei cittadini italiani serviti dal porta-a-porta si sono dichiarati soddisfatti da tale metodo di raccolta, dimostrando che gran parte dei problemi che si verificano nella prima fase di transizione vengono normalmente superati in breve tempo.
Le proteste quindi sono in un certo senso “fisiologiche”, ma se si sviluppano oltre un certo livello segnalano la necessità di venire maggiormente incontro agli utenti, che devono essere ringraziati per il loro impegno non solo con progressive riduzioni tariffarie ma soprattutto con un servizio sempre più efficiente.
Ci aspettiamo quindi da Aamps la massima attenzione al grado di soddisfazione dei cittadini, investendo tutte le risorse necessarie, escluse ovviamente quelle bloccate dal piano di concordato, per rendere il servizio confortevole e ben organizzato nei dettagli”.
CONDIVIDI SUBITO!