Politica 2 Ottobre 2022

Rifondazione: “Oltre 400.000 italiani hanno scelto Unione Popolare ma non basta”

rifondazione_comunistaLivorno 2 ottobre 2022 – Oltre 400.000 italiani hanno scelto Unione Popolare ma non basta

Rifondazione Comunista ringrazia tutte le elettrici e tutti gli elettori che hanno votato Unione Popolare il 25 settembre. Siete stati tantissimi.

Senza di voi e senza i militanti che hanno messo energie ed entusiasmo in una difficile campagna elettorale non saremmo riusciti neanche a raccogliere la valanga di firme richieste da questa infame legge elettorale, per di più in piena estate e a cavallo di Ferragosto!

Ringraziamo anche le candidate e i candidati, preziosa espressione delle lotte e dei territori. Unione Popolare era appena nata ma vi siete messi in gioco con coerenza per un progetto che rispecchia i vostri ideali, i progetti vostri e quelli delle realtà promotrici.

Nella provincia di Livorno abbiamo ottenuto risultati importanti:

Unione Popolare ha raggiunto il 4% nel nostro comune e addirittura il 7% a Piombino.

Il risultato nazionale però è stato insufficiente e insoddisfacente, e non ci ha permesso l’elezione di parlamentari.

Sarà un autunno duro:

le classi popolari saranno ancora più vessate dal contesto economico, dalla guerra in corso, dalle catastrofi ambientali.

L’assenza di una rappresentanza politica di sinistra in Parlamento renderà più difficili le lotte che condurremo sui territori e a livello nazionale, come sempre al fianco dei lavoratori e a difesa degli interessi di sfruttati e oppressi.

Per Rifondazione Comunista queste elezioni politiche sono solo una tappa di un percorso che deve avere come bussola il protagonismo politico delle classi popolari.

Le analisi e le discussioni sulle cause del risultato elettorale e sulle prospettive future devono essere orientate dagli stessi obiettivi che hanno guidato la nascita di Unione Popolare: rappresentare una proposta politica valida per le classi popolari che oggi sono divise tra false risposte di destra, qualunquismo e astensionismo da record.

L’accelerazione elettorale scatenata dalla caduta del governo non aveva permesso una discussione comune approfondita tra le realtà promotrici di Unione Popolare: adesso è il momento di sviluppare questo confronto e allargarlo a tutti i soggetti interessati. Dobbiamo coltivare quanto fin qui costruito.

 

SVS 5x1000 2024
Inassociazione