Rugby 9 Novembre 2017

Il rugby giovanile in campo, tutte le partite

.
Livorno Rugby under 14
La crescita del Livorno Rugby under 14 passa necessariamente dagli impegni più duri e difficili. In questi primi giorni di novembre, la squadra biancoverde, allenata da Massimiliano Ljubi, Alessandro Gragnani e Luca Isozio, ha dapprima disputato, mercoledì 1, a Prato (sui campi ‘Denti’ e ‘Coiano’) la prima tappa del Superchallenge, il torneo che coinvolge tutte le migliori formazioni italiane. Si tratta di una sorta di campionato nazionale di categoria. A tale appuntamento la formazione labronica si è presentata con: Bianchi Gioele, Nanni, Grifoni, De Ranieri, Mazzoni, Buda, Brancoli, Rossi, Tavella, Isozio, Santuari, Casini, Bianchi Amedeo, Bruni, Migli, Raffo, Freschi, Bradac, Borgi, Lenzi, Giunta, Gambini Tommaso. Il Livorno Rugby è stato inserito inizialmente in un girone di ferro, con Lazio e Petrarca Padova. Contro i romani (che hanno chiuso l’intera tappa al Superchallenge al secondo posto), i biancoverdi hanno giocato con il piglio giusto nel primi 7-8 minuti. Poi, al cospetto di avversari bravi tecnicamente ma soprattutto di stazza molto superiore, la volontà non è più bastata: la Lazio ha così segnato 4 mete, vincendo in modo piuttosto largo (26-0). Una sconfitta che ha scalfito il morale dei labronici, che hanno perso la successiva gara contro il Petrarca Padova 14-7 (2 mete a 1). Poi, sempre al ‘Denti’, i biancoverdi hanno battuto i ‘cugini’ dei Lions Amaranto Livorno 19-17 (3 mete per parte). I ragazzi di Ljubi, Gragnani e Isozio si sono così qualificati alla finale per il 9° posto, disputata contro L’Aquila al ‘Coiano’. Contro gli abruzzesi è giunta una sconfitta, dovuta in primis ad una grande stanchezza. E’ stata, quella del Superchallenge di Prato, una giornata ‘istruttiva’ per il Livorno Rugby. Il tutto indipendentemente dalla decima piazza conclusiva. Un’esperienza utile per migliorare. Sabato 4, tre giorni dopo il Superchallenge, la rosa labronica si è divisa in Livorno Rugby ‘1’ (con atleti del 2004) e Livorno Rugby ‘2’ (composta da giocatori del 2005). La formazione maggiore, nel secondo impegno del girone ‘1’ toscano (dove militano le migliori dieci formazioni della regione), ha pareggiato 14-14 sul terreno del Cus Siena. Lo schieramento: Niccolai, Lenzi, Grifoni, Borgi, Nunziata, Nanni, Mazzoni, Isozio, Giunta, Casini, Santuari, Bruni, Bianchi Amedeo. A disposizione Buda. Stanchi e decimati dagli infortuni, il Livorno, a Siena, è parso poco lucido e troppo lento nella manovra. Un pareggio giunto al termine di una gara equilibrata, ma priva di interessanti spunti. Nel girone ‘2’, il Livorno Rugby ‘2’ ha invece perso 24-7, a Borgo San Lorenzo, contro i locali del Sieci. I giocatori biancoverdi utilizzati nella seconda squadra: De Ranieri, Bianchi Gioele, Morelli, Coradeschi, Migli, Raffo, Mannucci, Gambini Tommaso, Gambini Gregorio, Paglini, Bianchini, Bernocchi, Giordano, Lubrani, Quartararo. Anche in questo caso, hanno pesato le gravi assenze; i biancoverdi non sono riusciti a produrre un gioco continuo in attacco. Concludendo, il ‘tour de force’ di questi primi giorni di novembre è solo apparentemente negativo. La società biancoverde è consapevole che solo affrontando squadre di prima fascia si può alzare l’asticella e diventare ambiziosi. Sabato 11, al ‘Maneo’, il Livorno Rugby ‘1’ giocherà alle 16 con i Lions Amaranto Livorno, mentre il Livorno Rugby ‘2’, alle 17, ospiterà il Valdinievole. Appuntamenti utili in vista delle altre due tappe di Superchallenge alle quali i biancoverdi si sono iscritti e che serviranno come importanti test sempre contro squadre di spessore. Un vero rugbista è quello che si rialza sempre, anche dopo duri placcaggi…
Granducato Livorno under 18
Il Granducato Livorno under 18 non si ferma più. Ancora un largo successo condito dal bonus-attacco per i giallo-bianco-rossi nel campionato èlite di categoria, girone del centro Italia. La formazione labronica allenata da Riccardo Della Rosa si è imposta 10-40 (1 meta a 6) sul terreno del Reggio Emilia. Sul campo è la quarta affermazione su quattro partite, anche se nella classifica ufficiale la Franchigia labronica figura ‘solo’ a quota 15: in occasione dell’incontro della prima giornata, nel covo dell’Amatori Parma, un errore extra-tecnico (commesso in buonissima fede) è costata la sconfitta a tavolino. Poco male: la reazione a tale situazione è stata veemente e già il mirino è puntato al primo posto, l’unico che garantisce il passaggio diretto alle finali nazionali. A tal proposito, importantissima sarà la posta in palio nel match del prossimo turno, che vedrà opposte le prime due della classe: il Granducato, domenica, ospiterà l’attuale capolista Cavalieri Prato/Sesto. La situazione in graduatoria: Cavalieri 19 p.; Granducato Livorno 15; Amatori Parma 14; I Medicei Firenze 13; Romagna 11; Perugia e Florentia 10; Costa Toscana 9; Modena e Reggio E. 1. Sul terreno del Reggio, sotto una fitta pioggia che ha impedito di dare continuità alla manovra, i Granduchi sono riusciti a rispettare il pronostico favorevole. Già al 4′ gli ospiti sbloccano il punteggio con la meta del pilone Migliori trasformata dall’apertura Del Bono. Al 21′ e al 28′ mete firmate dallo stesso scatenato Del Bono, che arrotonda nuovamente con le successive trasformazioni. In chiusura di frazione, il Reggio accorcia con un piazzato: 3-21 all’intervallo. Al 10′ della ripresa il terza linea Mannelli sigla la meta-bonus: 3-26. Poi al 12′ schiaccia oltre la fatal linea il tallonatore Bertini (trasforma Del Bono). Nel finale (27′) meta anche del trequarti Batista, ancora una volta condita dalla trasformazione di Del Bono. Negli ultimissimi minuti, meta (trasformata) della bandiera per gli emiliani. Finale 10-40. Il Granducato under 18 non può nascondere propositi bellicosi. I mezzi per puntare a qualcosa di importante non mancano… Lo schieramento vittorioso a Reggio: Del Fiorentino; Barsali, Batista, Sheu, Chiarugi; Del Bono, Jelic Ratko; Lucchesi, Mannelli, Vitiello; Bonaccorso, Dalla Valle; Krifi Nadir, Bertini, Migliori. Entrati anche Rum, Andorlini, Solimani, Orifici, Magni e Freschi.
Lions Amaranto under 14
I Giovani stakanovisti della palla ovale stanno dimostrando, con i fatti, di poter ambire a ‘mete di prestigio’. I giovani stakanovisti sono i giocatori dell’under 14 dei Lions Amaranto Livorno, protagonisti, nel giro di appena quattro giorni, di due importanti eventi. La squadra allenata da Emanuele Bertolini e Davide Mantovani ha, mercoledì primo novembre, disputato, a Prato, la prima tappa del prestigioso Superchallenge, il torneo che coinvolge tutte le migliori squadre italiane (si tratta di una sorta di campionato nazionale della categoria). Poi sabato 4 i labronici hanno ospitato il Vasari Arezzo, nel secondo impegno del girone ‘1’ (quello composto dalle migliori dieci formazioni toscane under 14). Al di là dell’undicesimo posto ottenuto nella tappa del Superchallenge e al di là della netta vittoria colta sugli aretini (78-0, 12 mete a 0), il dato saliente emerso in questi primi giorni di novembre è relativo alla costante crescita di tutta la rosa. Evidente appare soprattutto la volontà da parte del sodalizio amaranto – nato nel 2000 e subito molto attivo nella cura del proprio vivaio – di alzare l’asticella: basti pensare che nel passato nessuna squadra under 14 Lions aveva giocato il Superchallenge. A Prato, in gare lunghe ciascuna 20′, gli amaranto hanno colto una vittoria, contro il Cus Siena, e perso con Valsugana, Experience L’Aquila e Livorno Rugby. Per la cronaca, anche Cus Siena e Livorno Rugby fanno parte del girone toscano ‘1’, mentre Valsugana ed Experience L’Aquila sono tra le primissime forze della categoria in ambito nazionale. Importanti le esperienze maturate nell’intensa giornata vissuta a Prato. I frutti si sono visti già nella gara del sabato disputata, sul campo amico di Salviano, contro il Vasari Arezzo. Contro gli aretini, efficaci le giocate proposte dai livornesi, già in vantaggio 40-0 all’intervallo. Tre le mete di Michelazzi, due di Ferra e Lunardi, ed una ciascuno di Frassinelli, Pannocchia, Tedeschi, Fappiano e Vodicer. Otto le trasformazioni di Chelli, una di Giorgi. Questo, in rigoroso ordine alfabetico, l’elenco dei ‘leoncini’ (classe 2004 e 2005) capaci di esaltarsi nell’intenso ‘tour de force’ di questi primi giorni di novembre: Diego Biagi, Giovanni Cerrai, Thomas Chelli, Gabriele Del Pero, Niko Fantozzi, Lorenzo Fappiano, Giorgio Ferra, Jonathan Frassinelli, Lorenzo Giorgi, Cristiano Lunardi, Paolo Michelazzi, Lorenzo Mura, Omar Ouhdif, Lorenzo Pannocchia, Nico Quercioli, Cristiano Sagliano, Giulio Tedeschi, Febo Vodicer, Luca Zampini. Assenti (giustificati) per infortunio Nico Bernini, Matteo Mazzi, Diego Polese e Lorenzo Porciello.
Livorno Rugby under 16
Disco rosso sul terreno dell’imbattuta capolista. Il Livorno Rugby under 16, sul campo ‘Querceto’ di Sesto Fiorentino, contro i lanciatissimi locali dei Cavalieri Prato/Sesto, hanno ceduto 31-0 (5 mete a 0). La partita era valida per la quarta giornata del campionato èlite di categoria, raggruppamento del centro Italia. Un campionato giovanile particolarmente duro, ma per crescere è preferibile vedersela con compagini così titolate e solide e non limitarsi a facili affermazioni in partite nel torneo regionale. Affrontando il campionato èlite i giocatori biancoverdi, affidati alla coppia di allenatori Igli Borsato e Alberto Pietra Caprina, possono crescere ed arrivare, tra non molti anni, rodati alle aspre battaglie proprie della prima squadra. Questa la classifica dopo i primi 4 turni: Cavalieri Prato/Sesto 20 p.; US Firenze e Lyons Valnure 18; Reggio 13; Modena e Parma’31 7; Livorno e Amatori Parma 6; Perugia 4; Reno Bologna 0. Domenica prossima i labronici riceveranno la visita (campo ‘Maneo’, ore 11) del Perugia. A Sesto match condizionato dalla pioggia torrenziale. I Cavalieri (tutt’ora a punteggio pieno: per loro 4 successi tutti quanti conditi dal bonus-attacco) hanno confermato le proprie indubbie qualità, in ogni settore e in ogni reparto. Al cospetto di una formazione tanto valida, gli ospiti hanno mostrato grinta, ma hanno faticato. Sul piano del gioco, un passo indietro rispetto alle precedenti uscite. Le possibilità di rialzare la testa (a cominciare dal match con il Perugia) non mancano… I giocatori (classe 2002 e 2003) biancoverdi utilizzati alle porte di Firenze: Piram, Strazzullo, Barsotti, Cristiglio, Lampugnale, Tomaselli, Gesi, Lavorenti, Baldi, Tori, Angiolini, Eliseo, Mannucci, De Rossi, Nanni, Gragnani, Nicastro, Danti, Bargellini, Vallati e Orsini.

Costa Toscana under 18
Sotto la pioggia, la Costa Toscana ‘A’ under 18 ha fatto non poca fatica. A Iolo, sul terreno dei Cavalieri Prato/Sesto, la squadra allenata da Michele Ceccherini, Gianluca Barsacchi e Stefano Gesi ha ceduto 36-3 (4 mete a 0). Il ‘Cavalesto’, con i 5 punti conquistati, ha così consolidato la prima piazza in graduatoria. Questa la classifica del girone èlite del centro Italia, dopo le prime 4 giornate: Cavalieri Prato/Sesto 19 p.; Granducato Livorno 15; Amatori Parma 14; I Medicei Firenze 13; Romagna 11; Perugia e Florentia 10; Costa Toscana 9; Modena e Reggio 1. La Costa Toscana è la Franchigia, attiva nei campionati under 18 (èlite e regionale), nata nel 2016 grazie alla sinergia tra Livorno Rugby, Amatori Rosignano, Emergenti Cecina e Bellaria Pontedera. La formazione ‘A’ è di fatto composta solo da giocatori del Livorno Rugby. Domenica prossima la Costa Toscana ‘A’ ospiterà il Perugia. Una partita utile per firmare un pronto riscatto. A Iolo, i padroni di casa hanno sfruttato con cinismo le condizioni climatiche per esaltarsi con la propria fisicità. I Cavalieri sbloccano il punteggio al 10′, con un piazzato. Pronta la reazione ospite: Gesi, dalla piazzola, pareggia i conti: 3-3 al 13′. Nella seconda parte del primo tempo, i locali sfondano due volte la linea difensiva avversaria e, con due mete trasformate si issano sul 17-3. Nella ripresa, la Costa Toscana non concretizza le occasioni create. Più pratici i Cavalieri che con altre due mete, condite da 9 punti di piede, fissano il punteggio sul 36-3. Nel girone èlite – è bene sottolinearlo – sono impegnate le migliori formazioni della categoria. Solo affrontando tali solide realtà, gli atleti della Costa Toscana possono crescere ed essere pronti, tra non tanto tempo, per le aspre battaglie proprie delle prime squadre. Lo schieramento della Costa Toscana a Iolo: Romano; Zannoni G., Pellegrini, Ianda, Fabbri; Gesi, Zannoni N.; Piras, Pardini, Pini; Ianniciello, Freschi; Andreotti, Mattei, Campanile. Entrati anche: Saylon, Vellutini, Vargiu, Bagnoli, Bagagli.
Granducato Livorno under 16
Ancora una vittoria condita dal bonus-attacco per il Granducato Livorno under 16 nel campionato regionale, girone 2. I ragazzi allenati da Giampaolo Brancoli e Michele Pelletti, a Piombino contro i ‘locali’ del Golfo Scarlino, si sono imposti con il perentorio punteggio di 19-42. Tre mete per i padroni di casa (che dunque non hanno conquistato punti) e sei per gli scatenati ospiti (che hanno così colto il massimo della posta). Per i giallo-bianco-rossi a bersaglio Pioli (due mete), Lischi, Tellini, Porciello e Chiarugi (una meta ciascuno). Sei trasformazioni (su sei tentativi) per l’apertura Mazzoni. Il Golfo Scarlino, dopo aver sbloccato il punteggio, ha subìto il ritorno degli antagonisti. La superiorità tecnica dei livornesi è emersa lampante già nel corso del primo tempo, chiuso sul 12-21 (due mete a tre). Nella ripresa, ulteriore accelerata della squadra ospite, capace dapprima di mettere in cassaforte il bonus-attacco e poi di spiccare definitivamente il volo. Il Granducato mantiene così la vetta della classifica, a punteggio pieno, insieme ai ‘cugini’ dell’Amatori Rosignano: guarda caso domenica prossima, per l’ultima di andata, sul terreno dei solvaini si giocherà il derby che designerà la ‘squadra campione d’inverno’. La situazione in graduatoria (tra parentesi le gare effettivamente giocate): Granducato Livorno (3) e Amatori Rosignano (3) 15 p.; Golfo Scarlino (4) 7; Elba (3) 2; I Ghibellini ‘2’ (3) 0. Il Granducato Livorno è la Franchigia – attiva nei campionati under 18 e under 16 – nata nel 2015 grazie al lavoro sinergico delle società cittadine Lions ed Etruschi. Lo schieramento brillante protagonista a Piombino: Bicchierai; Dalla Valle, Uccetta, Porciello, Pellegrini; Mazzoni, La Rosa; Chiarugi, Marchi, Pioli; Castelli, Barsacchi; Lentini, Cappelli, Lischi. Entrati anche: Rondelli, Meini, Tellini, Brondi, Lo Coco, Bernieri.
CONDIVIDI SUBITO!