Rugby 31 Ottobre 2018

Rugby, i risultati delle squadre livornesi

Rugby livornese, i risultati delle squadre in campo nel fine settimana

Old Lions Amaranto

La stagione dei Rino..Cerotti, la rappresentativa Old dei Lions Amaranto Livorno, è cominciata con il piede giusto. Nella giornata di apertura del campionato toscano di categoria, sul campo amico di Salviano, la squadra labronica si è imposta per una meta a zero sui Trinceroni Scandicci. L’incontro, svoltosi sotto i riflettori accesi (si è giocato in questo ultimo sabato del mese di ottobre, alle 19) è viaggiato sui binari dell’equilibrio. A decidere il confronto la marcatura di Francesco Bitti, atleta che così, al suo esordio, si è travestito nei panni di ‘match-winner’. Evidentemente questi giocatori, non più giovanissimi, non hanno perso la voglia di correre dietro alla palla ovale; non hanno perso lo spirito giusto per confrontarsi con altre squadre, tra mischie e placcaggi. Il tutto, ovviamente, con regole ‘old’, che tengono conto anche dell’età dei protagonisti e che impongono scontri non particolarmente ruvidi. In particolare, in questa annata, i Rino..Cerotti hanno iniziato una ‘nuova giovinezza’. Nella partita con i fiorentini, i padroni di casa hanno presentato tre debuttanti. Ben cinque gli elementi attivi da meno di tre anni. Nelle prossime uscite ci sarà spazio per ulteriori cinque giocatori pronti ad esordire. Nuovi rugbisti che si aggiungono al nutrito e (ormai tradizionale) gruppo ‘veteran’. Una gran bella realtà. Questi i giocatori utilizzati da coach Alessandro Brondi nella vittoriosa gara con i Trinceroni Scandicci: Vittorio Abbiuso, Adriano Sampaolo, Gianluca Gasparri, Paolo Ciandri, Antonio Cannavò, Vincenzo Limone, Valter Ardizzone, Luca Baroni (cap.), Emiliano Marchi, Carlo Pancani, Alessandro Cipriani, Menotti Pannese, Antonio Masciullo, Chiara Mattei, Fabio Ciliegi, Emanuele Bertolini, Davide Mantovani, Luca Conticini, Francesco Bitti, Emanuele Prestinari. Prossimo impegno (il primo dicembre?) ancora in casa con i Sorci Verdi Prato.

Livorno Rugby under 12

Alle porte di Firenze, il Livorno Rugby under 12, sotto la guida degli allenatori-educatori Alessandro Borgiotti e Michele Quartararo, si è ‘sdoppiato’. Due le rappresentative biancoverdi protagoniste nel raggruppamento andato in scena in questo ultimo sabato del mese di ottobre sul campo ‘Querceto’ di Sesto Fiorentino. L’ampia rosa a disposizione dei due tecnici è stata divisa in due formazioni: la ‘A’, composta in prevalenza da elementi del 2007, al secondo anno in categoria, e la ‘B’, composta in gran parte da giocatori del 2008, fino a pochi mesi fa impegnati tra gli under 10. Le risposte sono state incoraggianti sia per la squadra ‘A’ (o Livorno ‘1’ che dir si voglia) che ha vinto, in modo largo tutte e le tre le gare disputate (10-0 – ogni meta un punto – con il Gispi Prato ‘1’, 8-1 con lo Scandicci e 8-0 con il Sesto Fiorentino ‘1’), sia per la squadra ‘B’ (la cosiddetta Livorno ‘2’), che ha perso, a testa alta le sue tre partite (2-4 contro il Gispi ‘2’, 3-5 con il Vasari Arezzo e 4-5 con il Sesto ‘2’). La crescita degli atleti – tutti quanti, del 2007 e del 2008 – passa da queste esperienze. Appare giusta la scelta del comitato toscano della FIR di far disputare gare tra squadra della stessa ‘fascia’: la formazione biancoverde ‘1’ ha disputato match con squadre di spessore, la ‘2’ ha giocato contro squadre non di primissimo livello. In rigoroso ordine alfabetico i giocatori labronici di scena a Sesto. Livorno ‘2’: Diego Andreotti, Daniele Bardi, Nicola Bargagna, Nicola Bargigli, Filippo Daddi, Andrea Fulceri, Flavio Germelli, Ettore Maltinti, Alessandro Quartararo, Aldo Romano, Giulio Tavani, Massimo Tavani, Daniele Tosi. Livorno ‘2’: Alice Antonazzo, Mattia Bartolini, Giano Bianchi, Vittorio Borgiotti, Edoardo D’Ammando, Jacopo De Rossi, Cristian Isozio, Matteo Lottini, Diego Norfini, Giorgio Mannucci, Matteo Orlandi, Leonardo Tosi.

Livorno Rugby under 16

Terza partita di campionato di categoria elite (girone del centro Italia) e terza vittoria condita dal bonus-attacco per il Livorno Rugby under 16. Gli scatenati biancoverdi, in questa ultima domenica di ottobre, hanno battuto, sul terreno amico ‘Maneo-Settembrini’, con un perentorio e indiscutibile 47-0 (7 mete a 0) i pari età chiancianesi del Molon Labe. I validissimi atleti labronici – classe 2003 e 2004 – guidati dalla coppia di tecnici Ceccherini – Barsacchi restano dunque in vetta alla classifica, a punteggio pieno, sempre in compagnia del Parma’31, che nella circostanza è andato a battere in trasferta i Lyons Piacenza (5-24, 1 meta a 4). Questa la situazione in graduatoria dopo i primi 180’ del torneo (ogni gara, tra gli under 16, dura 60’): Livorno e Parma’31 15 p.; Cavalieri Prato/Sesto e Modena 10; Colorno 6; Ghibellini ‘1’*, Lyons e Am. Rosignano 4; Molon Labe 1; US Firenze* 0. * Ghibellini ‘1’ e US Firenze hanno giocato una gara in meno. Il campionato ora va in letargo per tre settimane. Alla ripresa, il 18 novembre, i labronici se la vedranno in trasferta con la formazione sinergica dei Ghibellini ‘1’. Contro il Molon Labe, biancoverdi in campo con De Rossi, Nannoni, Nicastro, Gragnani, Bradac, Tori, Nanni, Lavorenti, Cantini, Gesi, Rossi, Piram, Casini, Santuari, Simi. Entrati nel corso della partita Bernardini, Lampugnale, Grifoni, Freschi, Isozio, Bruni e Vallati. Fin dalle prime battute sono i padroni di casa ad esercitare un chiaro predominio territoriale. I biancoverdi sono abili e concreti in tutti i settori e in tutti i reparti. Efficaci le azioni d’attacco e grintosa l’opera in difesa. Già nel primo tempo, bonus-attacco in cassaforte, grazie alle mete di Lavorenti (8’), Gragnani (13’), Cantini (26’) e Tori (30’). Gesi calcia tra i pali tutte e quattro le trasformazioni: all’intervallo, sul 28-0, il quadro è abbondantemente delineato. Nella ripresa non cambia la musica. Livornesi superiori in ogni fase. Le tre mete della seconda frazione portano la firma di Gesi (4’), Nanni (18’) e Casini (27’). Gesi arrotonda con due trasformazioni. Ripetendosi su questi alti livelli, il Livorno Rugby può togliersi nuove importanti soddisfazioni nell’arco del lungo torneo elite, nel quale – non dimentichiamolo – sono impegnate le migliori squadre di categoria.

Livorno Rugby under 18

Il Livorno Rugby under 18 è in confortante crescita. Il largo successo (5-34, 1 meta a 6, 0 punti a 5 in classifica) ottenuto questa domenica sul campo dei pari età del Florentia, evidenzia le qualità dell’intera rosa a disposizione dei tecnici Isozio, Gesi e Campochiari. La vittoria, condita dal bonus-attacco, consente in classifica di issarsi solitari sul quarto gradino e di accorciare le distanze dal podio. La situazione in graduatoria dopo tre turni del campionato elite di categoria, girone del centro Italia: I Medicei Firenze 20 p.; Amatori Parma 16; Cavalieri Prato/Sesto 15; Livorno 13; Perugia e Modena 12; Romagna 9; Valorugby Emilia 5; Parma’31 e Florentia 1. In terra gigliata, i labronici si sono presentati con (partendo dall’estremo): Meini; Barsotti, Trumpy, Cristiglio, Bagnoli; Tomaselli, Zannoni; Angiolini, Eliseo, Tattanelli; Ianniciello, Pini (cap.); Andreotti, Campanile, Ficarra. Entrati anche Vellutini, Mannucci, Rotondo e Pieroni. La squadra livornese è andata in crescendo nel corso del match. Nella prima mezz’ora, nessuna marcatura. Al 31’ (cioè ad una manciata di minuti dall’intervallo: tra gli under 18 le partite durano 70’, cioè si disputano due tempi da 35’), meta del centro Trumpy. 0-5 al giro di boa del confronto. Nella ripresa, i biancoverdi sono concreti e spietati e prendono il volo. Al 4’ meta ancora di Trumpy. Al 9’ va a bersaglio l’estremo Meini, con l’apertura Zannoni che arrotonda con la successiva trasformazione: 0-17. Al 16’ ecco la meta-bonus, firmata dal centro Cristiglio: 0-22. Al 19’ meta della bandiera della Florentia. Al 27’ quinta meta labronica (a segno l’ala Barsotti). A ridosso del fischio finale (34’) sesta meta biancoverde, ancora con Meini. Zannoni trasforma per il definitivo 5-34. Un punteggio chiaro e indiscutibile che testimonia l’andamento di un match giocato dagli ospiti con smalto e determinazione. 

Livorno Rugby under 10

Il Livorno Rugby under 10, anche nell’ultima uscita agonistica del mese di ottobre, ha messo in mostra qualità di primissimo piano per la categoria. Sul campo ‘Coiano’, nel raggruppamento organizzato dai padroni di casa del Gispi Prato, i validi e giovanissimi atleti (classe 2009 e 2010), sotto la guida degli allenatori-educatori Riccardo Fabbrini, Gabriele Biagiotti e Piero Chiesa, hanno ottenuto risultati di tutto rispetto. Al via dell’evento, due squadre del Gispi, due del Vasari Arezzo e due del Livorno Rugby. Le sei compagini presenti hanno dato vita ad un girone all’italiana: tutte quante si sono affrontate l’un l’altra in mini incontri. Il ruolino globale dei biancoverdi è di sei vittorie, un pareggio ed una sconfitta. Ma al di là del numero delle mete realizzate e di quelle subìte, il dato saliente del raggruppamento è relativo alla crescita di tutti gli elementi. In questi appuntamenti, tutti i giocatori a referto possono contare su un buon minutaggio. Il modo migliore per far acquisire a tutti quanti la giusta esperienza. Il Livorno Rugby, da decenni, cura in modo puntiglioso il proprio vivaio, consapevole che solo con un serio lavoro nelle proprie under può garantire un futuro radioso alla prima squadra. In rigoroso ordine alfabetico, ecco il lungo elenco dei giocatori utilizzati a Prato, nelle due rappresentative biancoverdi: Filippo Aspromonti, Micheal Baggiani, Giovanni Campora, Filippo Carrai, Gregorio Cecere, Diego Celati, Romeo Celi, Ugo Chiesa, Nicolò Compagnone, Pablo Fava, Francesco Fiorentini, Jonny Giorgi, Giulio Lenzi, Gabriele Mannucci, Christian Paolini, Edoardo Pezzin, Alberto Saltapari, Lorenzo Savi.

Etruschi Livorno under 10

Profeti in patria. Sul campo amico ‘Tamberi’, in questo ultimo sabato del mese di ottobre, gli Etruschi Livorno under 10 hanno messo in vetrina qualità di primissimo ordine per la categoria. Gli atleti, classe 2009 e 2010, sotto la guida degli allenatori-educatori Andrea Brondi, Maurizio Biasin, Federico De Robertis, Leonardo Demiri e Lorenzo Capobianchi, hanno ottenuto buonissimi risultati. Sul terreno di via Russo, nel raggruppamento (perfettamente) organizzato dagli stessi Etruschi, è andato in scena – come spesso accade in questo tipo di eventi dedicati al settore propaganda – un girone all’italiana. Le sei squadre presenti si sono affrontate l’un l’altra in mini gare. In tutto, per i labronici, due successi, un pareggio e due sconfitte. In rapida successione, vittoria 5-0 (ogni meta un punto) sui Titani Viareggio ‘2’, sconfitta 0-5 contro il Sesto Fiorentino ‘1’, affermazione 4-3 sui Titani ‘1’, pareggio 3-3 con il Prato e sconfitta 1-4 contro il Sesto ‘2’. Ben più del bottino di marcature messe a segno e ben più del ruolino di marcia, ai cinque allenatori-educatori verde-amaranto interessava verificare la crescita dell’intero gruppo. I conti, sotto questo aspetto, tornano. I miglioramenti di tutti i giocatori sono evidenti e costanti. In rigoroso ordine alfabetico, i 13 ‘Etruschini’ ruotati nell’arco delle cinque gare: Alex Bernini, Maurizio Biagi, Edoardo Biasin, Alessandro Brunelli Felicetti, Cristiano Buti, Ester Campani, Andrei Ciuperca, Mattia Dell’Unto, Valentino Ferro, Gregorio Guidi, Samuele Michel, Karim Niang, Cristian Ricci.

Etruschi Livorno under 12

Quattro larghi successi su quattro partite per gli Etruschi Livorno under 12 in questo ultimo sabato del mese di ottobre, nel raggruppamento andato in scena sul terreno ‘Santa Costanza’ di San Vincenzo. In rapida successione i verde-amaranto guidati dagli allenatori-educatori Francesco Consani, Mario Pracchia e Luigi De Carlini hanno battuto 4-0 (ogni meta un punto) il Bellaria Pontedera, 6-0 il Cecina, 6-0 il Grosseto e 9-0 i padroni di casa del Rufus. Gli ‘Etruschini’ – si tratta di atleti nati negli anni 2007 e 2008 – stanno continuando a crescere. I miglioramenti, rispetto alle prime due uscite ufficiali, sono stati tangibili. La società degli Etruschi sta continuando ad investire molte risorse sul proprio vivaio. E i risultati – non solo tra gli under 12 – stanno giungendo puntuali. A San Vincenzo, i verde-amaranto hanno messo in mostra qualità di primo piano per la categoria. Al di là dell’eccellente ruolino di marcia, il dato saliente è relativo al gioco espresso. La passione per la palla ovale non manca a questi atleti, che possono puntare, nel corso della lunga annata, a mete di tutto rispetto. I giocatori schierati nelle quattro gare vinte sul terreno ‘Santa Costanza’: Filippo Consani, Tommaso Del Secco, Edoardo Giusti, Francesco Guantini, Riccardo Melani, Matteo Nuti, Gregorio Pasqui, Federico Perciavalle, Ryan Peruzzi, Leandro Sangiorgi, Mattia Savi, Thomas Sgherri, Diego Ungarini.

Lions Amaranto Livorno

Il fragoroso ruggito dei ‘Leoni’ fa paura a tutte le squadre che ambiscono alla promozione in B. Il fragoroso ruggito dei Lions Amaranto Livorno manda in tilt la matricola US Firenze. Sul campo dei gigliati, i labronici si impongono con il perentorio punteggio di 0-30. Un successo largo, convincente, mai in discussione. Scardino e compagni, su un terreno tutt’altro che facile, si sono permessi il lusso di siglare 5 mete, condite da 5 punti di piede. Con i 5 punti raccolti (successo e bonus-attacco), i ragazzi di Giampaolo Brancoli salgono sul primo gradino della classifica. Insieme ai Lions si trova il Piombino, che questa settimana non ha giocato il derby dello stretto con l’Elba (formazione isolana impossibilitata per il maltempo a presentarsi al ‘Venturelli’ e match rinviato). Nell’altra gara valida per il girone F, poule 1, di C1, successo interno (5-0 in classifica) del Cecina sul Cus Pisa (27-13 il punteggio). Riposo per i Cavalieri Prato/Sesto cadetti, che domenica prossima renderanno visita ai Lions (si giocherà al ‘Settembrini’). La classifica (tra parentesi le gare effettivamente disputate): Lions (2) e Piombino (2) 10 p.; Elba (2) 9; Cavalieri cadetti (2) e Cecina (3) 6; US Firenze (2) 1; Cus Pisa (3) 0. Al termine della regular season, la prima disputerà lo spareggio promozione con la prima della poule 2 del girone F (composto da 5 squadre della Sardegna). A Firenze, i Lions hanno messo in mostra qualità di primissimo ordine per la categoria. Tutti i settori e tutti i reparti hanno funzionato a meraviglia. Gli amaranto, rispetto alla gara (peraltro vinta in scioltezza) disputata sette giorni prima sul terreno del Cus Pisa, sono parsi in crescita. Fin dal primo tempo, livornesi concreti e quadrati. Sblocca il punteggio, con una meta in velocità, l’ala Rela. Poi va a bersaglio l’espertissimo flanker Cortesi. L’apertura Rolla arrotonda con una trasformazione: 0-12 ed il match ha già preso un indirizzo preciso. Gli ospiti non si accontentano. La terza meta è siglata di forza del pilone Ciapparelli. In chiusura di frazione, piazzato mandato tra i pali da Rolla. All’intervallo, sullo 0-20, la situazione per i Lions è invidiabile. Anche nella ripresa, ‘Leoni’ attivi in attacco e accorti in difesa. La meta di De Libero, subentrato pochi attimi prima, consegna il bonus-attacco: 0-25. Continua il valzer delle sostituzioni. Ed ancora un atleta subentrato nella ripresa, De Vincentiis, trova la gloria personale, con la quinta meta, con la quale viene fissato il punteggio su un rotondo e indiscutibile 0-30. Per i Lions, in classifica 10 punti conquistati in 2 partite: di più era impossibile. Lo schieramento labronico a Firenze: Valente V.; Rela (1’ st De Libero), Sheu (11’ st Magni N.), Novi, Campisi (1’ st De Vincentiis); Rolla, Magni M.; Scardino, Cortesi (19’ st Vitali L.), Tamberi (19’ st Del Moro); Pulaha (1’ st Ciandri), Sarno; Ciapparelli F. (6’ st Vitali G.), Giusti, Fusco. 

Fulgida Etruschi Livorno

Alla Fulgida Etruschi Livorno non basta un buon primo tempo per dare continuità alla vittoria ottenuta sette giorni prima a Pontedera. I verde-amaranto di coach Daniele Campani, sul campo amico ‘Tamberi’ hanno pagato a caro prezzo una seconda parte di gara incolore e al cospetto del Gambassi – una delle squadre più attrezzate del torneo – hanno rimediato una sconfitta piuttosto severa. La sfida, valida per la terza giornata della C2 regionale, girone 1 (il raggruppamento della Toscana occidentale) si è chiusa con l’affermazione dei termali 19-44 (3 e mete a 8, 0 punti a 5 in graduatoria). La Fulgida, in classifica, resta in quarta posizione, ma vede allontanarsi il ‘prezioso’ podio. Al termine della prima fase del campionato – lungo dieci turni – le prime tre accederanno alla poule promozione, le altre tre alla poule consolazione. A questo punto, la trasferta di Pistoia di domenica prossima riveste, per i labronici, un’importanza fondamentale. Questa la situazione in graduatoria: Lucca 14 p.; Gambassi 11; Pistoia 10; Fulgida Etruschi Livorno 4; Rufus San Vincenzo e Bellaria Pontedera 3. Primo tempo all’insegna dell’equilibrio. Al 15’ sono i locali a sbloccare il punteggio con la meta dell’apertura Recchi, che poi trasforma: 7-0. Gli ospiti accorciano le distanze con una meta non trasformata: 7-5. Al 31’ allungo verde-amaranto con la meta del centro Franzoni trasformata da Recchi: 14-5. In chiusura di frazione, Gambassi, con due mete non trasformate, rovescia il punteggio e si presenta all’intervallo in vantaggio di una lunghezza (14-15). Nella ripresa, i fiorentini approfittano del vistoso calo degli antagonisti per scavare un profondo solco e mettere in cassaforte successo e bonus-attacco: 14-39 al 70’. La Fulgida, al 76’, ha un sussulto d’orgoglio e con Colombi sigla la terza meta, ancora condita dalla trasformazione di Recchi: 19-39. All’ultimo secondo, ottava meta del Gambassi, per il definitivo 19-44. I livornesi, nella ripresa, hanno perso, per espulsione (due gialli consecutivi) il mediano De Robertis. Per i ragazzi di Campani, una gara amara, ma la rincorsa per il podio non si esaurisce certo in questa ventosa domenica di fine ottobre.. Lo schieramento verde-amaranto: Amadori; Brilli, Incrocci M. (1’ st Macchi), Franzoni, Gaye; Recchi, De Robertis; Colombi, Chiarugi, Demiri; Bartoli (1’ st Bonuccelli F.), Bonuccelli A.; Bonaretti (1’ st Ghiozzi), Peruzzi, Tognini.

Livorno Rugby – Amatori Parma 22-6 

LIVORNO RUGBY: Gesi; De Donato, Pellegrini, Ianda, Cristiglio; Squarcini (16’ st Rattalino), Zannoni; Piras, Gragnani Giorgio, Merani (37’ st Bitossi); Scrocco, Bottari; Liguori, Bufalini, Bastita (21’ st Ciapparelli). A disp.: Menicucci, Sforzi, Pardini, Gragnani Giacomo. All.: Zaccagna.

AMATORI PARMA: Tonelli; Guidi (3’ st Dodi) (dal 6’ st al 10’ st Orsenigo), Bianconi, Masini, Tamburrini (3’ st Scarica); Torri, Negrello; Balestrieri, Ciasco (3’ st Carra), Kuassi; Cantoni (21’ st Orsenigo), Armantini; Zanacca (35’ pt Saccò), Tolaini (35’ pt Fawzi), Bertozzi. A disp.: Calì. All.: De Rossi.

ARBITRO: Taggi di Roma.

MARCATORI: nel pt (5-3) 18’ cp Bianconi, 29’ m. Bastita; nel st 11’ cp Bianconi, 14’ m. Piras tr. Gesi, 23’ m. Gesi, 42’ m. Pellegrini.

NOTE: in classifica 5 punti per Livorno (successo e bonus-attacco; quattro mete realizzate) e 0 punti per gli Amatori Parma (margine superiore alle sette lunghezze e nessuna meta realizzata). Nessun cartellino estratto dall’arbitro.

LIVORNO. Il Livorno Rugby sa cosa vuole e sa come ottenerlo. Grazie ad una prova scintillante, ricca di grinta e gioco, i biancoverdi ottengono il primo successo in campionato e lanciano un segnale forte a tutte le contendenti della zona alta della classifica. I labronici, sul terreno amico ‘Carlo Montano’ si sono imposti 22-6 sul temibile Amatori Parma. Le 4 mete (a 0) valgono anche il bonus-attacco. La squadra di Zaccagna è parsa quadrata ed in gran forma in tutti i suoi settori e in tutti i suoi reparti. Preziosissimi – sotto ogni punto di vista – i 5 punti raccolti. In un campionato che appare diviso in modo netto in più tronconi, il Livorno Rugby può legittimamente ambire a posizioni di prestigio. Dietro l’angolo, dopo ‘l’avvio di fuoco’, ci sono gare sulla carta meno complicate per i biancoverdi. Gragnani e compagni hanno i mezzi per scalare la graduatoria. In questa terza giornata di serie B, girone 2, larghe affermazioni casalinghe (5 punti a 0 in classifica) per il Civitavecchia (36-12 sul Modena), del Romagna (59-7 sul Reno Bologna, che domenica prossima ospiterà i labronici), del Parma’31 (43-7 sull’Arezzo) e del Florentia (66-10 sul Cus Siena). L’unica vittoria esterna porta la firma del Rieti (19-22 a Jesi; 1-4 in classifica). La nuova graduatoria: Romagna 15 p.; Florentia 14; Civitavecchia* 10; Parma’31** e Jesi 9; Modena, Amatori Parma e Livorno 6; Reno 1; Cus Siena**, Arezzo e Rieti* 0. *Civitavecchia e Rieti scontano 4 punti di penalizzazione. **Parma’31 e Cus Siena figurano con una partita in meno. La prima salirà in A, le ultime due retrocederanno in C1. La partita andata in scena sul ‘Montano’ in questa ultima domenica del mese di ottobre è risultata piacevole. Entrambe le squadre – tra le migliori del girone – si sono dimostrate abili nel gestire e tenere vivo il pallone, non disdegnando soventi aperture al largo. Eccellente il lavoro svolto dagli avanti biancoverdi. Il pacchetto livornese si è dimostrato solido ed irresistibile nelle mischie chiuse. Il punteggio conclusivo di 22-6 fotografa, anche nelle dimensioni, la superiorità dei livornesi, andati in crescendo nel corso del match. Sono gli ospiti a cominciare con il piglio giusto. Legittimo il vantaggio esterno al 18’ (0-3: piazzato del centro Bianconi). Livorno comincia a macinare gioco. Al 29’, al termine di un’azione insistita, condotta da tutta la squadra, è il pilone Bastita (tra i migliori) a schiacciare di forza in meta. Il primo tempo si chiude con i labronici in vantaggio 5-3. Gli Amatori Parma, all’11’ della ripresa, rimettono il muso avanti con un nuovo penalty di Bertozzi (5-6). I locali non ci stanno e dopo aver sfiorato la meta, mettono definitivamente la freccia e tornano in modo definitivo in vantaggio. E’ il 14’, quando, su mischia ordinata vicino alla fatal linea parmense, a favore degli stessi emiliani, il pacchetto biancoverde si produce in una spinta poderosa. Pallone rubato di prepotenza, ‘carretto’ esaltante e marcatura del valido terza centro Paris. L’estremo Gesi (tra i più attivi in campo) trasforma: 12-6. Entra al 16’ l’ala Rattalino in luogo di Squarcini. Gesi, passato al ruolo di apertura, trova (23’) il pertugio giusto e deposita in meta: 17-6. Negli ultimi minuti, con la vittoria in cassaforte, i biancoverdi vanno a caccia del bonus-aggiuntivo, che giunge nell’ultima azione. E’ il 42’ quando il giovane trequarti Pellegrini – al suo esordio in B – schiaccia sull’out destro. Finisce 22-6: Livorno vince, convince e lancia un segnale forte. Questa squadra, giovane e fresca, può togliersi non poche soddisfazioni nel corso della lunga stagione.

Granducato Livorno under 16

Dieci punti ottenuti nel giro di pochissime ore. Sul campo amico di Salviano, le due rappresentative del Granducato Livorno under 16, inserite in due gironi regionali distinti, hanno colto, nelle due partite giocate una di seguito all’altra, due successi conditi dal bonus-attacco. Così come specificato dal comitato toscano della FIR, i due raggruppamenti regionali sono indicati in ‘2’ e in ‘3’: la distinzione non è di carattere tecnico, ma di carattere ‘geografico’. Nel girone ‘2’ sono inserite, in prevalenza, squadre della Toscana orientale, nel girone ‘3’ militano, in prevalenza, formazioni della Toscana occidentale. Il girone ‘1’ è invece considerato il raggruppamento elite del centro Italia, nel quale giocano sei squadre toscane (e quattro emiliane). Il Granducato, come noto, è la franchigia, attiva dal 2015, frutto del lavoro sinergico tra Lions Amaranto Livorno ed Etruschi Livorno. Al progetto partecipa anche il Bellaria Pontedera. La rosa del Granducato under 16, affidata agli allenatori Bertolini, Civita, Crivellari e Gaetaniello, è ampissima. Si è preferito non ‘puntare’, con l’eventuale ‘finestra’ dei barrage, al campionato elite: per far crescere tutta la rosa in modo compatto si è preferito allestire due squadre – di pari valore – impegnate in due gironi distinti del campionato regionale. Nell’ultima domenica, nel quadro della terza giornata, nel girone ‘2’, il Granducato ha superato l’US Firenze ‘2’ 42-6 (6 mete a 0; partita iniziata alle 12,30), mentre nel girone ‘3’ l’altra rappresentativa giallo-bianco-rossa ha battuto 24-7 (4 mete a 1) il Lucca (match iniziato alle 11). Finora, in tre turni, in tutto, le due squadre dei ‘Granduchi’ hanno ottenuto sei successi (quattro volte è giunto anche il bonus aggiuntivo). Le classifiche. Girone 2: Granducato Livorno 14 p.; Florentia 11; Sieci 6; Iolo e Ghibellini ‘2’* 5; US Firenze ‘2’ 0. *Ghibellini ‘2’ e US Firenze ‘2’ figurano con una partita in meno. Girone 3: Cavalieri Prato/Sesto ‘2’ 15; Granducato Livorno 14; Golfo Scarlino 10; Lucca e Mascalzoni del Canale* 1; Cus Pisa* 1. *Mascalzoni del Canale e Cus Pisa una partita in meno. Contro l’US Firenze ‘2’, schierati Lunardi, Biagi, Marchi, Tedeschi, Novaro M., Novaro A., Ferra, Morelli, Michelazzi, Pacini, Madrigali, Dalla Valle, Paolini, Castelli, Mazzi, Cerrai, Polese, Chelli e Sagliano. Contro il Lucca, invece, hanno giocato Lentini, Del Pero, Mura, Ouhdif, Meini, Brondi, Tellini, Pannocchia, Cadau, Sbrana, Taddeini, Capobianchi, Uccetta, Bernieri, Carniel, Vodicer, Fantozzi, Lo Coco e Lari.          
 

CONDIVIDI SUBITO!