Rugby 12 Dicembre 2018

Rugby, il report di tutte le partite disputate nello scorso fine settimana

Il report di tutte le partite disputate nello scorso fine settimana delle squadre di rugby livornesi

SERIE B LIVORNO  JESI – LIVORNO 3-19
JESI: Carosi; Ramazzotti, Piccinini, Jacob, Santoni A.; Santarelli, Fagioli; Thomas, Scavone, Filipponi; Battisti, Albani; Santoni M., Amendola, Bruciaferri. Entrati anche: Piergirolami, Santini, Bimbo, Sandroni, Scaloni, Frick, Pierpaoli.

LIVORNO: De Donato; Romano, Pellegrini, Ianda, Rattalino (22′ st Menicucci); Gesi, Zannoni; Basha, Gragnani Giorgio (25′ st Pardini), Merani (25′ st Sforzi); Bottari, Scrocco (25′ st Gragnani Giacomo); Mangoni, Bufalini, Ciapparelli.

ARBITRO: Antonio Chiarioni di Rovigo.

MARCATORI: nel pt (3-14) 20′ m. Basha tr. Gesi, 22′ cp Santarelli, 31′ m. Basha tr. Gesi; nel st 29′ m. Pellegrini.

NOTE: cartellini gialli per Ianda (21′ pt) e Pardini (35′ st). In classifica 0 punti per Jesi (battuto con un margine superiore alle sette lunghezze; nessuna meta realizzata) e 4 per Livorno (che ha vinto e non si è assicurato il bonus-attacco; tre mete realizzate).

JESI. La partita spartiacque fornisce indicazioni più che incoraggianti: il Livorno Rugby è giovane, forte e degno delle prime piazze. La partita spartiacque, giocata sul non facile campo di Jesi consegna ai validi biancoverdi allenati da Zaccagna un altro successo (il quinto nelle ultime sei partite) e la consapevolezza di poter lottare per qualcosa di importante. E’ finita 3-19, con 0 mete per i marchigiani e 3 per gli ospiti. I labronici, con i 4 punti raccolti (bastava poco per conquistare anche il bonus-attacco) consolidano il loro quarto posto, scavano un solco piuttosto profondo sulle inseguitrici e restano in scia dal gruppetto delle migliori. Il disavanzo dalla prima in graduatoria (ora in vetta c’è il Romagna) si accorcia: 11 le lunghezze di svantaggio. Al termine della regular season, la prima festeggerà la promozione in A. Il torneo è ancora lunghissimo (mancano sempre 3 turni alla fine del girone d’andata), la concorrenza è spietata, ma – più che mai con il rientro dei tanti atleti attualmente indisponibili – il futuro per Gragnani e compagni può riservare piacevolissime sorprese. Nelle restanti 14 giornate un peso notevolissimo sarà ricoperto dagli scontri diretti tra le prime quattro. Questi gli altri risultati dell’8° giornata di serie B, girone 2, il raggruppamento del centro Italia (tra parentesi i punti in classifica): Modena-Romagna 20-26 (1-5), Civitavecchia-Florentia 33-32 (5-2), Parma’31-Reno Bologna 54-14 (5-0), Cus Siena-Amatori Parma 14-3 (4-0), Vasari Arezzo-Rieti 20-21 (1-4). La classifica: Romagna 37 p.; Florentia 36; Civitavecchia* 30; Livorno 26; Amatori Parma 21; Parma’31** 20, Jesi e Modena 15; Cus Siena** 12; Rieti* 8; Reno Bologna 4; Arezzo*** -7. *Civitavecchia e Rieti scontano 4 punti di penalizzazione; **Parma’31 e Cus Siena figurano con 1 partita in meno; ***Arezzo sconta 8 punti di penalizzazione. A Jesi, nell’ultima gara in trasferta del 2018, i biancoverdi sono parsi lucidi e concentrati. Buona la prova di tutti i 19 elementi a referto (i 15 iniziali e i 4 entrati in corso d’opera). Brillanti le giocate della mischia, in forma i trequarti. Il forte vento ha condizionato le giocate, ma non ha certo scalfito le certezze dei labronici. Non si conquistano 25 punti in 6 giornate solo per caso… Il Livorno Rugby ha esercitato fin dall’inizio un chiaro predominio territoriale. E’ il terza linea Basha tra i migliori in campo (il talentuoso avanti, al suo secondo gettone di presenza con la maglia biancoverde, si è subito perfettamente negli schemi della squadra) a trovare la via della meta, al 20′, sugli sviluppi di una irresistibile avanzata del pacchetto. L’apertura Gesi (ancora una volta tra i più attivi) trasforma: 0-7. Jesi, dopo la battuta da centrocampo, si fa fischiare a favore un piazzato, che Santarelli indirizza tra i pali: 3-7 al 22′. Il pallino è in mano agli ospiti. Basha è un vero trascinatore: è ancora lui a siglare (31′) la seconda meta (seconda personale e seconda della sua squadra), ancora su azione di mischia. Gesi trasforma e all’intervallo, sul 3-14, il quadro, per i ragazzi di Zaccagna, è invidiabile. Nella ripresa, a favore di vento, Livorno amministra serenamente il margine e cala il tris (leggi la terza meta) al 29′, con il trequarti Pellegrini, altro elemento che ormai si sta esprimendo con continuità su alti livelli. La sua marcatura chiude definitivamente i conti. Il cruccio per non aver anche siglato la meta-bonus è solo relativo: continuando su questa strada, il ritardo dal podio della classifica è destinato a diminuire. Domenica prossima ultimo impegno del 2018: al ‘Montano’ arriva il fanalino di coda Vasari Arezzo. D’obbligo i cinque punti.

C1 LIONS AMARANTO

Fine d’anno col bòtto. Nell’ultima uscita del 2018, nella partita presentata come ‘spareggio promozione’, sul terreno ‘Andrea Scagliotti’ di Portoferraio, contro l’Elba, nel ‘derby tra le squadre fin qui sempre vittoriose’, i Lions Amaranto Livorno ruggiscono, gettano il cuore oltre l’ostacolo e di prepotenza si impongono 17-20. Un successo splendido, il sesto in sei gare, che permette di consolidare il primato in classifica e scavare un significativo solco sulle altre pretendenti al salto di categoria. I 4 punti (successo senza bonus-attacco; 3 le mete siglate), consentono di aumentare il margine sulla stessa formazione isolana (che ha conquistato solo il bonus-difesa; 3 le mete segnate). L’Elba è sempre seconda, ma ora accusa 5 lunghezze di ritardo dai ‘famelici’ leoni. Non solo. I Cavalieri Prato/Sesto cadetti, terzi, hanno ceduto 20-7 sul campo del Piombino e ora sono a meno 13 dalla capolista. Insomma, il quadro, per i Lions, alla fine del girone d’andata è invidiabile. Peraltro, nel girone di ritorno, i Lions giocheranno ben 4 volte su 6 sul terreno amico. Al termine della regular season, la prima tra le squadre toscane disputerà (da favoritissima…) con la prima del girone di C della Sardegna lo spareggio promozione. A Portoferraio, in un match pesantemente condizionato dal violento libeccio (non poche peraltro le difficoltà logistiche per gli ospiti per raggiungere l’Elba), le due squadre hanno pienamente confermato tutte le proprie importanti qualità. La sensazione è che, entrambe, potrebbero giocare anche nella categoria superiore. Formazione isolana solida in mischia, nettamente più attrezzata rispetto alle stagioni scorse. Lions – che pure sta facendo i conti con alcune assenze di peso – caparbio e valido in tutti i suoi settori. Favolosa, per i ragazzi di Giampaolo Brancoli, la prima frazione, chiusa in vantaggio 5-15. E’ il ‘cecchino’ (nonchè mediano di apertura) amaranto Rolla a sbloccare il punteggio (10′) dalla piazzola. Reazione dell’Elba, che di forza, con il pilone Ascione, va in meta per il sorpasso: 5-3 al 14′. I Lions riprendono a macinare gioco e con il solito implacabile capitano (e terza linea) Scardino realizzano la meta del (definitivo) controsorpasso: 3-10 dopo la trasformazione di Rolla. L’attacco amaranto funziona a meraviglia. L’ala Valente – tra i più attivi, anche se nell’occasione è dura fare una lista dei migliori – realizza la meta in velocità, che permette di issarsi sul 3-15. Dura la lotta pure nella ripresa. Il pilone dei locali Vozza sigla la meta dell’8-15. La risposta degli amaranto è affidata ad un altro elemento di prima linea, il sempre positivo tallonatore Giusti, che realizza la meta dell’8-20. L’Elba prova il tutto per tutto e nel finale accorcia con la meta di Ascione trasformata da Poloni. Finisce 17-20, un punteggio che fotografa l’andamento della gara. I Lions, domenica prossima, nella giornata di apertura del girone di ritorno, osserveranno un turno di riposo. Prossimo impegno il 13 gennaio in casa con il Cus Pisa, ultimo in graduatoria. La classifica al giro di boa del torneo di C1, girone F, poule 1 (tutte le squadre hanno all’attivo 6 gare): Lions Amaranto Livorno 29 p.; Elba 24; Cavalieri Prato/Sesto cadetti 16; Piombino 15; Cecina 13; US Firenze 6; Cus Pisa 4. Lo schieramento ‘corsaro’ a Portoferraio: Campisi; Banchieri (7′ st Di Mauro), De Libero, Novi, Valente; Rolla, Magni M.; Scardino (cap.), Cortesi, Tamberi (38′ pt Vitali G.); Sarno, Pulaha (34′ st Bertini); Ciapparelli (13′ st Ciandri), Giusti, Fusco. A disp.: Siviero, Vitali L., Shehu. All.: Giampaolo Brancoli.

C2. FULGIDA ETRUSCHI

Una sconfitta netta, ma a conti fatti indolore. Una sconfitta che non rovina certo una bella giornata di sport e solidarietà. La Fulgida Etruschi Livorno, nella 7° giornata, 2° di ritorno, del campionato di serie C2, girone 1 (il raggruppamento della Toscana occidentale) ha ceduto in casa con il Bellaria Pontedera 3-27 (0 mete a 4; in classifica 0 punti a 5). La ‘festa dello sport e della solidarietà’ è ben più importante del fattore tecnico. Nel corso della gara, disputata in questa ventosa domenica sul campo labronico ‘Tamberi’, sono stati raccolti fondi a favore del progetto benefico Telethon. I giocatori della prima squadra della Fulgida Etruschi hanno indossato le nuovissime maglie, consegnate loro, ufficialmente, mercoledì scorso, nel riuscitissimo evento andato in scena al PalaModigliani (e in quella occasione sono stati coinvolti, nella consegna delle maglie, anche gli atleti di tutte le rappresentative giovanili verde-amaranto). La Fulgida, anche in caso di successo sul Bellaria, non avrebbe riaperto i giochi nella lotta per l’accesso alla poule promozione. Coach Daniele Campani sta sfruttando queste partite per far acquisire utili esperienze a tanti elementi alle prime armi nel ruvido mondo del rugby seniores. La sensazione è che si stia seminando per raccogliere buoni frutti nella seconda fase dell’annata (nella cosiddetta ‘poule consolazione’). La classifica attuale nel girone della costa: Lucca 28 p.; Pistoia 26; Rufus San Vincenzo 21; Bellaria Pontedera 15; Galluzzo 13; Fulgida Etruschi Livorno 4. Al termine delle 10 giornate, le prime 3 di ciascuno dei due gironi della C2 toscana, passeranno alle poule promozione, le altre alla poule consolazione. Nel girone della Toscana orientale, sicure della poule promozione le prime due (Gispi Prato e Florentia cadetta). Sicure della poule consolazione Cortona e Colligiana. In lotta per la preziosissima terza piazza Mugello e Sieci. Contro il giovane e frizzante Pontedera, la Fulgida ha giocato un buon primo tempo, per poi accusare la stanchezza alla distanza. Sono i padroni di casa a sbloccare il punteggio con un piazzato dell’ala Brilli: 3-0. I labronici non si accontentano di tre comodi punti di un possibile secondo piazzato, da posizione favorevole, e cercano il bersaglio grosso (leggi la meta). La scelta non paga. Il Bellaria si difende con ordine per poi, con la prima meta della gara, effettuare il (definitivo) sorpasso e chiudere il primo tempo in vantaggio 3-5. Nella ripresa, i pontederesi premono il piede sull’acceleratore e con altre tre mete, condite da 7 punti di piede, prendono il largo. Per i livornesi, all’ultimo appuntamento casalingo del 2018, una sconfitta che non rovina certo gli obiettivi stagionali. Lo schieramento della Fulgida: Amadori; Ascenzi (10′ st Gaye), Florio (11′ pt De Robertis), Franzoni, Brilli; Sanacore, Incrocci M.; Rossi, Nobile, Ruffino; Bartoli, Marinari; Frosini (10′ st Peruzzi), Borella, Tognini. A disp.: Ghiozzi. All.: Campani. Domenica prossima trasferta a Montelupo Fiorentino, contro i ‘locali’ del Gambassi.

PECORE NERE

Il Grosseto si è imposto per cinque mete a zero, ma ben più del dato tecnico e delle marcature realizzate nell’arco della partita (un ‘test-match’, visto che nel gioco del rugby non si può mai parlare di ‘amichevole’), quello vissuto in questa ventosa seconda domenica del mese di dicembre è stato un momento di grande partecipazione emotiva. L’evento, reso possibile grazie alla sensibilità delle direzione e del personale della casa circondariale ‘Le Sughere’ di Livorno, si è consumato sul campo sportivo dello stesso istituto di massima sicurezza. Ad assistere alla partita l’assessore al turismo della Regione Toscana (ex rugbista) Stefano Cioffo, l’assessore allo sport del Comune di Livorno Andrea Morini, il vicepresidente della FIR Nino Saccà, il consigliere federale Stefano Cantoni, il segretario della stessa Federazione Claudio Perruzza, per l’ufficio presidenza FIR Daniela De Angelis, i consiglieri del comitato toscano della FIR Luca Sardelli e Marco Bertotti, in rappresentanza dell’Associazione Amatori Rugby Toscana Arienno Marconi, il garante dei detenuti Giovanni De Peppo, il funzionario dell’area giuridica pedagogica del carcere labronico Patrizia Citti, e, in rappresentanza dei Lions Amaranto Livorno – la società che da quattro anni rende possibile il progetto di una palla ovale da far rotolare all’interno del carcere – il presidente Mauro Fraddanni e l’addetto stampa Fabio Giorgi. La formazione del Grosseto – fino alla stagione 2016/17 protagonista in C2 e composta da elementi di tutto rispetto per la C – ha superato la rappresentativa dei detenuti (squadra che con grande autoironia si è autobattezzata ‘Pecore Nere’), con mete di ottima fattura. Gara lunga 50’ (due tempi da 25’), diretta dall’arbitro sanvincenzino Milio Giannellini. I maremmani si sono presentati all’intervallo in vantaggio tre marcature a zero. Le caratteristiche del campo in sintetico, dalle dimensioni piuttosto ridotte, senza le classiche porte ‘ad acca’ hanno determinato varie deroghe al regolamento. Squadre composte da soli 13 elementi (con sostituzioni libere, come nel basket), niente touche, niente spinta nei raggruppamenti ordinati e nessun calcio da fermo. Al termine della partitella, disputata su buoni ritmi, le due formazioni si sono simpaticamente ‘mischiate’ per effettuare un tempo supplementare di altri 10’. Nella squadra delle ‘Pecore Nere’ (che ha indossato la maglia della nazionale, donata dalla FIR), anche Michele Niccolai, l’allenatore Lions che, insieme a Manrico Soriani, si sta prodigando, ogni settimana, per allenare questa squadra ‘speciale’, composta da atleti con detenzioni piuttosto lunghe. Significativi, al termine della parte agonistica e prima del ‘tradizionale’ terzo tempo, gli interventi al microfono di Saccà, Cioffo, Morini e Citti. Una mattinata del tutto particolare, ch ha regalato forti sensazioni a tutti gli intervenuti. Una mattinata di sport e di amicizia, che solo il rugby può regalare.

UNDER 18 LIVORNO

Grazie ad una prova ricca di sostanza, l’under 18 del Livorno Rugby ottiene una nuova vittoria (la quinta in sette giornate) e consolida il suo ottimo terzo posto nella classifica del girone del centro Italia del durissimo campionato èlite di categoria. I biancoverdi allenati dal terzetto Isozio-Gesi-Campochiari si sono andati ad imporre, di prepotenza, 14-31 (2 mete a 5) sul terreno dei pari età del Parma’31. I 5 punti conquistati (successo e bonus) permettono a Capozzi e compagni di scavare, in graduatoria, un solco profondo sul resto del gruppo e restare aggappati alle prime due (che hanno nuovamente ottenuto il massimo). Il Livorno Rugby, domenica prossima, ospiterà alle 12,30 il Perugia. La classifica a 2 turni dalla fine del girone d’andata: I Medicei Firenze 35 p.; Amatori Parma 31; Livorno 27; Cavalieri Prato/Sesto 21; Perugia 17; Romagna e Valorugby 14; Modena 13; Parma’31 6; Florentia 3. In terra ducale, i biancoverdi hanno sempre condotto gioco e punteggio. Brillante l’opera di tutto il quindici. L’approccio degli ospiti è quello giusto. Al 3′ meta del centro e capitano Capozzi, trasformata dall’apertura Tomaselli: 0-7. Al 7′ è lo stesso Tomaselli a siglare altri sette punti (meta e trasformazione per il valido numero dieci labronico): 0-14. Al 22′ i parmensi dimezzano le distanze: 7-14. I livornesi non si scompongono e trovano, al 33′ (cioè 2′ dall’intervallo), con il centro Del Fiorentino, la meta del 7-19. La meta-bonus giunge al 15′ della ripresa ed è firmata dall’ala Bagnoli: 7-24. Nuova meta e trasformazione (22′) di Tomaselli, che issa la sua squadra sul massimo vantaggio (7-31). Gli emiliani possono, nel finale, solo limitare i danni, con la loro seconda meta trasformata. Il 14-31 conclusivo fotografa, anche nelle dimensioni, la superiorità esibita dai livornesi nell’arco dei 70′. Lo schieramento labronico: Trumpy; Bagnoli (19′ st Barsotti), Capozzi (30′ st Ghelarducci), Del Fiorentino, Meini; Tomaselli, Zannoni; Andreotti, Freschi, Eliseo; Liperini, Pini (22′ st Rotondo); Campanile (30′ st Mannucci), Mattei, Nanni.

UNDER 18 GRANDUCATO

A tavolino l’under 18 del Granducato Livorno ha colto la sua seconda vittoria in campionato. L’Union Versilia, fanalino di coda, ha, alla vigilia della prevista partita del ‘Tamberi’, preferito dare forfait. Secondo regolamento, successo (20-0) per i Granduchi, che si assicurano 5 punti, e sconfitta (con 4 punti di penalizzazione) per i versiliesi. Questa diventa la nuova classifica del campionato regionale di categoria (7 giornate in archivio, ancora 2 nel girone d’andata): Ghibellini 34 p.; I Medicei Firenze ‘B’ 29; Mascalzoni del Canale 20; Centauri 19; Cecina 18; Titani Viareggio 14; Granducato Livorno 12; Puma Bisenzio 7; Union Versilia* -8. *Union Versilia sconta 8 punti di penalizzazione. Dispiace non aver giocato regolarmente la gara, l’ultima interna dei livornesi in questo anno solare. Domenica prossima, per l’ultima fatica del 2018, i ragazzi guidati dal terzetto Pelletti-Sarcina-Rolla saranno di scena ad Arezzo, per render visita ai Centauri. Il Granducato, come noto, è la franchigia, nata, grazie alla collaborazione tra le società cittadine dei Lions Amaranto e degli Etruschi, nel 2015. Il club giallo-bianco-rosso è attivo nei campionati under 18 e (quest’anno con ben due squadre) under 16. I 16 labronici convocati per la partita di domenica, vinta dai per forfait: Barba, Barsacchi, Barsali, Bicchierai, Bientinesi, Cavaliere, Iegre, La Rosa, Lischi, Martini, Pacini, Pellegrini, Pioli, Porciello, Rum, Strazzullo.

UNDER 16 LIVORNO

Disco rosso sul campo della capolista. Gli under 16 del Livorno Rugby, nel durissimo campionato èlite di categoria (girone del centro Italia) hanno ceduto sul campo dei coetanei del Parma’31, prima a punteggio pieno. I ducali, confermando tutte le proprie qualità, si sono imposti sui biancoverdi 29-7. Per gli emiliani 5 mete (che dunque hanno assicurato anche il bonus-attacco; in tutto 5 i punti raccolti), per i labronici 1 meta (e dunque nessun punto in graduatoria). I ragazzi di Ceccherini e Barsacchi restano sul podio della classifica, ma scivolano dal secondo al terzo posto, sorpassati dai Cavalieri Prato/Sesto. Nonostante lo stop rimediato in questa seconda domenica del mese di dicembre, il bilancio della prima parte della stagione (4 successi e 2 sconfitte) resta, per i labronici, decisamente positivo. Il campionato èlite (sia a livello under 16, sia under 18) consente di acquisire utilissime esperienze, indispensabili ai giovani atleti per poi giungere rodati in prima squadra. Ben vengano queste gare così difficili, se poi i giocatori livornesi riescono a crescere e cogliere nel prosieguo della propria carriera, risultati di tutto rispetto. La situazione in graduatoria: Parma’31 30 p.; Cavalieri 24; Livorno 21; Modena 19; Ghibellini* 12; Colorno 11; Lyons Piacenza 10; US Firenze* 9; Rosignano 4; Molon Labè 3. *Ghibellini e US Firenze figurano con una partita in meno. Anche a Parma, i biancoverdi non hanno risparmiato neppure una goccia di sudore. Non è berò bastata la grande grinta per fermare la marcia della prima in graduatoria. Padroni di casa in vantaggio 19-7 all’intervallo. Poi, nella ripresa, i locali trovano la meta-bonus e il definitivo allungo per il 29-7 conclusivo. I giocatori impiegati sul terreno degli emiliani: De Rossi, Zannoni, Quaglia, Gragnani, Nicastro, Tori, Nanni, Lavorenti, Cantini, Gesi, Orsini, Casini, Santuari, Rossi, Simi, Schillaci, Bradac, Borgi, Lampugnale, Freschi, Vallati, Bianchi. Domenica prossima, alle 11, al ‘Maneo’, sfida casalinga con i Cavalieri. Uno scontro verità.

UNDER 16 GRANDUCATO

Il Granducato Livorno under 16 sta continuando a coniugare quantità (di atleti) e qualità (di risultati). Anche domenica scorsa, nel quadro della settima giornata – seconda di ritorno – dei campionati regionali di categoria, le due squadre – di pari valore – dei Granduchi hanno ottenuto, sul campo amico di Salviano, in due gare giocate consecutivamente, due risultati positivi. La squadra giallo-bianco-rossa labronica ‘girone 3’, inserita nel suo raggruppamento naturale della Toscana occidentale ha superato 19-7 (3 mete a 1; 4 punti a 0 in classifica) il Cus Pisa. La formazione livornese ‘girone 2’, inserita nel raggruppamento della Toscana orientale, ha pareggiato, 17-17 (3 mete per parte, 2 punti in classifica per ciascuna squadra) con il Florentia. La qualità delle partite finora disputate è evidenziata, per entrambe le compagini del Granducato, allenate dal quartetto composto da Bertolini, Civita, Crivellari e Gaetaniello, dalle brillanti situazioni in classifica. Il Granducato ‘gir. 2’ è primo (il pareggio con il Florentia ha consentito di mantenere inalterato il margine sui gigliati, secondi con 3 lunghezze di ritardo), mentre il Granducato ‘gir. 3’ è secondo, con 5 punti di ritardo dalla capolista Cavalieri Prato/Sesto ‘B’ (con cui devono ancora recuperare il match d’andata). Ecco le classifiche dei due gironi regionali under 16 (il girone ‘1’ viene considerato il campionato del centro Italia ‘èlite’, nel quale militano sei squadre toscane). Girone 2: Granducato Livorno ‘gir. 2’ 31 p.; Florentia 28; Sieci 17; Ghibellini ‘2’* 14; Iolo 6; US Firenze ‘2’* 4. *Ghibellini ‘2’ e US Firenze ‘2’ figurano con una partita in meno. Girone 3 (tra parentesi le partite giocate): Cavalieri ‘B’ (6) 29 p.; Granducato gir. 3 (6) 24; Mascalzoni del Canale (6) e Lucca (7) 12; Scarlino (5) 10; Cus Pisa (5) 6. Nel match vinto contro il Cus Pisa (giocato alle 13), ruotati, nel Granducato ‘girone 3’ questi 17 atleti: Sagliano, Del Pero, Meini, Brondi A., Mazzi, Novaro M., Novaro A., Cadau, Taddeini, Carniel, Vodicer, Brondi G., Fantozzi, Capobianchi, Madrigali, Bernieri, Ouhdif. Nella rocambolesca partita pareggiata con il Florentia (giocata alle 14,30), utilizzati, nella rappresentativa dei ‘Granduchi girone 2’ questi 17 atleti: Tedeschi, Lunardi, Lentini, Tellini, Pacini, Sbrana, Chelli, Biagi, Pannocchia, Castelli, Dalla Valle, Ferra, Uccetta, Paolini, Michelazzi, Lari, Polese. Il Granducato è la franchigia livornese nata nel 2015, frutto del lavoro sinergico tra le società cittadine dei Lions Amaranto e degli Etruschi. Al progetto – che non è chiuso a realtà labroniche – ha aderito anche il Bellaria Pontedera. In questa annata, il roster degli under 16 (composto da giocatori del 2003 e 2004) è nutritissimo. Ad inizio stagione, si è preferito non dare la caccia (con l’eventuale barrage) al campionato èlite, ma iscrivere due rappresentative di pari valore ai due gironi regionali. I risultati stanno confermando come la scelta sia stata la più giusta per far maturare tutti i ragazzi.

UNDER 14 LIVORNO

Sette vittorie su sette: nessuna macchia per il Livorno Rugby under 14 ‘1’ nel campionato regionale di categoria, fascia ‘1’. Anche nell’ultima partita del girone d’andata della fase centrale del torneo che vede al via le otto migliori formazioni toscane, i biancoverdi di Ljubi, Gragnani e Tavella hanno colto un successo largo e convincente. Nonostante le numerosissime assenze (che hanno impedito di giocare la partita del Livorno ‘2’ nella seconda fascia regionale), la scatenata squadra labronica ha dettato la sua legge, anche sul non facile campo (in condizioni pessime, per la pioggia caduta fino a pochi minuti prima del match) del Florentia. Il punteggio conclusivo di 19-60 (3 mete a 10) è fin troppo eloquente sull’andamento della sfida. E dire che, nell’occasione, tanti giocatori, per le defezioni di cui sopra, sono stati impiegati in ruoli inconsueti. I giocatori livornesi inizialmente in campo nella gara disputata a Firenze (nella categoria si gioca in 13; senza flankers): Niccolai, Mazzoni, Giammattei, Bernocchi, Guzzo, Lenzi, Cannone, Giunta, Bianchini, Raffo, Casolaro (cap), Buda, Mannucci. Entrati anche: Autorino, Cioni, Perucci, Celi, Lubrani e Barsotti. Buona l’intensità in attacco, buono l’avanzamento e il sempre pronto sostegno, che hanno fruttato l’ingente bottino di marcature. Qualche distrazione difensiva non hanno impedito di tenere sempre saldissimamente in mano le redini del confronto. La squadra livornese, composta da elementi del 2005 e 2006, può togliersi non poche soddisfazioni non solo a livello regionale, ma anche fuori dalla Toscana. Al solito il lavoro impostato è teso a far maturare i giocatori e renderli ben presto all’altezza delle aspre battaglie proprie dei campionati seniores. Tanti atleti biancoverdi, dopo aver maturato significative esperienze nel campionato di fascia ‘1’ regionale under 14 e dopo i tornei elite under 16 e under 18, stanno mettendosi in grande evidenza in prima squadra, in serie B. La volontà dello storico club labronico è quello di ‘costruire in proprio’ gli atleti. Un progetto che anno dopo anno si dimostra vincente. Sabato prossimo, per le ultime uscite del 2018, Livorno ‘1’ e Livorno ‘2’ ospiti rispettivamente del Firenze31 ‘1’ e del Firenze’31 ‘2’.

UNDER 12 LIVORNO

Un fine settimana ricchissimo di mete e di convincenti successi per gli under 12 del Livorno Rugby, capaci di esaltarsi, con due rappresentative distinte, sia sabato pomeriggio, nel raggruppamento disputato sul campo ‘Tamberi’ (quartier generale dei ‘cugini’ degli Etruschi Livorno), sia domenica mattina nel raggruppamento effettuato al ‘Falchini’ di Rosignano Solvay. L’ampia rosa consente di ‘sdoppiarsi’ in ogni turno. Il roster, composto da (validi) elementi nati negli anni 2007 e 2008, sta togliendosi tante soddisfazioni. La qualità del gioco espresso è, per la categoria, davvero molto alta. Estremamente soddisfatti delle risposte giunte in ogni appuntamento appaiono gli allenatori-educatori Alessandro Borgiotti, Rocco Montanaro e Michele Quartararo. Questo, in rigoroso ordine alfabetico, l’elenco degli atleti grandi protagonisti, sabato, al ‘Tamberi’: Diego Andreotti, Alice Antonazzo, Mattia Bartolini, Giano Bianchi, Vittorio Borgiotti, Edoardo D’Ammando, Jacopo De Rossi, Cristian Isozio, Matteo Lottini, Giorgio Mannucci, Matteo Orlandi, Alessandro Quartararo, Daniele Tosi. Al ‘Tamberi’ tre successi su tre partite, con ben 35 mete messe a segno e nessuna incassata. Larghi i successi sui Lions Amaranto Livorno (10 a 0; ogni meta un punto), sul Bellaria Pontedera (15-0) e sui ‘padroni di casa’ degli Etruschi (15-0). Questo invece l’elenco dei giocatori di scena al ‘Falchini’: Raffaello Agostini, Daniele Bardi, Nicola Bargagna, Nicola Bargigli, Davide Canziani, Andrea Fulceri, Alessio Galvagno, Flavio Germelli, Ettore Maltinti, Diego Norfini, Massimo Ricciardi, Massimo Tavani, Giulio Tavani, Leonardo Tosi. Successo 9-0 sul Lucca, sul Versilia 12-10 e sul Cus Pisa 11-0. Pareggio, 3-3, con i locali del Rosignano.

UNDER 12 ETRUSCHI

Sotto la guida degli allenatori-educatori Francesco Consani, Mario Pracchia e Luigi De Carlini, gli Etruschi Livorno under 12 stanno continuando a crescere sotto ogni aspetto. Gli ‘Etruschini’ – si tratta di atleti nati negli anni 2007 e 2008 – stanno migliorando a vista d’occhio. Nell’ultima uscita, sabato 8 sul terreno amico ‘Tamberi’, i verde-amaranto hanno affrontato, nel ‘raggruppamento’ della costa toscana, Bellaria Pontedera, Lions Amaranto Livorno e Livorno Rugby. I ‘padroni di casa’ hanno colto un successo (largo, sul Pontedera), un pareggio (dopo un match tirato ed intenso, con i Lions) ed una sconfitta (con il Livorno Rugby). Onorate nel modo migliore le nuove maglie: nel riuscitissimo evento di mercoledì scorso al PalaModigliani, infatti ai ragazzi under 12 (ed agli atleti Etruschi delle altre rappresentative giovanili ed a quelli della prima squadra) sono state ufficialmente consegnate le nuove divise da gioco. La stagione, per gli under 12 labronici sta continuando a regalare non poche soddisfazioni, a dimostrazione della bontà del lavoro svolto dal club, che sta investendo tante energie nel proprio vivaio. I giocatori Etruschi protagonisti, sabato scorso, nel raggruppamento della costa, svoltosi al ‘Tamberi’: Filippo Consani, Tommaso Del Secco, Edoardo Giusti, Riccardo Melani, Matteo Nuti, Gregorio Pasqui, Federico Perciavalle, Ryan Peruzzi, Leandro Sangiorgi, Thomas Sgherri, Diego Ungarini.

UNDER 12 LIONS

Un successo, un pareggio ed una sconfitta. Ma soprattutto, per gli under 12 dei Lions Amaranto Livorno, nuovi tangibili segnali di crescita. Il bilancio, per i leoncini – classe 2007 e 2008 – affidati alle cure degli allenatori-educatori Alessandro Brondi e Valerio Ubaldi, è decisamente positivo. Gli amaranto, nel raggruppamento effettuato nel pomeriggio di sabato sul campo ‘Tamberi’, quartier generale dei ‘cugini’ degli Etruschi Livorno, hanno mostrato buonissimi numeri. Al via dell’evento, quattro squadre della Toscana occidentale: Livorno Rugby, Etruschi Livorno, Bellaria Pontedera e, appunto, Lions. Poche ore dopo l’appuntamento agonistico del ‘Tamberi’, gli atleti Lions under 12 – al pari delle altre squadre giovanili amaranto e degli Old Rino..Cerotti – hanno preso parte, nella mattinata di domenica, al Teatro Quattro Mori, alla riuscitissima recita goliardica ‘Natale in casa Lions’. ‘Attori’ in campo sabato e ‘attori’ a teatro domenica. Gli amaranto di scena al ‘Tamberi’: Giacomo Ubaldi, Matteo Russo, Lorenzo Morini, Rocco Pavesi, Raul Rum, Mattia Tedesco, Luca Del Nista, Edoardo Nuterini, Tommaso Bianucci, Filippo Bani, Mattia Longhi, Gianluca Munafò, Edoardo Falchi, Francesco Parisi, Diego Giudici, Vittorio Meini, Enzo Monti.

UNDER 10 LIVORNO

Anche nella città della Piaggio, l’under 10 del Livorno Rugby è stata capace di ingranare le marce alte e viaggiare a cento all’ora. Domenica 9 dicembre presso gli impianti della polisportiva Bellaria Pontedera, ben due rappresentative biancoverdi di atleti nati negli anni 2009 e 2010 si sono messe in grande evidenza. Nell’occasione gli allenatori-educatori dei labronici Riccardo Fabbrini, Gabriele Biagiotti e Piero Chiesa hanno diviso la propria ampia rosa nella squadra ‘A’, composta da elementi al secondo anno di categoria, e nella squadra ‘B’, formata da atleti al primo anno. Nel raggruppamento, si sono giocate simpatiche partite contro i padroni di casa del Bellaria, il Sesto Fiorentino e il Valdinievole. Le due squadre del Livorno hanno vinto tutte le gare disputate. Pienamente confermate le doti tecniche di un gruppo di atleti che può togliersi non poche soddisfazioni sia nel corso dei nuovi raggruppamenti organizzati dal comitato toscano della FIR, sia nei tornei interregionali in agenda a primavera. Il lavoro svolto durante le sedute settimanali sta portando frutti concreti. In rigoroso ordine alfabetico il lungo eleco dei giocatori labronici grandi protagonisti a Pontedera: Massimiliano Agostini, Filippo Aspromonti, Michael Baggiani, Giovanni Campora, Romeo Celi, Ugo Chiesa, Federico De Villa, Filippo Del Moro, Alessio Desideri, Francesco Fiorentini, Jonny Giorgi, Giulio Lenzi, Gabriele Mannucci, Diego Padella, Christian Paolini, Edoardo Pezzin.

UNDER 10 ETRUSCHI

Solo convincenti successi, sul campo Santa Costanza di San Vincenzo, per gli Etruschi Livorno under 10. Sotto la guida degli allenatori-educatori Andrea Brondi e Maurizio Biasin, in questo sabato festivo, i giovanissimi verde-amaranto (classe 2009 e 2010) hanno reso omaggio, nel modo migliore, alle proprie ‘nuove maglie’. Come noto, nella scorsa settimana – più precisamente mercoledì 5, all’interno del PalaModigliani – a tutti gli atleti di tutte le rappresentative (inclusa dunque l’under 10) sono state ufficialmente consegnate le nuove divise da gioco. Difficile trovare un modo migliore per inaugurare il nuovo corso. Ecco, in rigoroso ordine alfabetico, gli Etruschini grandi protagonisti del raggruppamento della costa disputato in terra sanvincenzina: Alex Bernini, Alessandro Brunelli Felicetti, Cristiano Buti, Ester Campani, Andrei Ciuperca, Mattia Dell’Unto, Valentino Ferro, Raul Fortunato, Gregorio Guidi, Samuele Michel, Karim Niang, Cristian Ricci. Al via dell’evento solo formazioni della costa. Gli Etruschi, al termine di gare intense e divertenti, si sono imposti sul Grosseto 4-3 (ogni meta un punto), sui padroni di casa del Rufus 2-1 e sul Rosignano 3-2. Un raggruppamento ricco di contenuti, nel quale i verde-amaranto hanno saputo piazzare, sistematicamente, in ciascuna delle tre gare giocate, la zampata vincente.

UNDER 10 LIONS

Profeti in patria. Gli under 10 dei Lions Amaranto Livorno si sono esaltati nel raggruppamento tenutosi in questo sabato mattina sul campo amico di via della Chiesa di Salviano. Sotto la guida degli instancabili allenatori-educatori Alessandro Landi, Massimo Russo e Francesco Novi, due le squadre dei leoncini al via del riuscitissimo evento, che ha coinvolto anche due formazioni dei Titani Viareggio, una del Cecina ed una del Piombino. La squadra Lions denomininata ‘Amaranto’ ha chiuso con tre successi, un pareggio e due sconfitte. La squadra Lions ‘Bianca’ ha invece colto quattro vittorie e due sconfitte. Tutte le sei formazioni al via si sono affrontate l’un l’altra. Intense e di grande qualità tutte le partite (ciascuna dalla durata di 10′). Non è mancato, per i padroni di casa, neppure il derby in famiglia, vinto dalla rappresentativa dei ‘Bianchi’. Al di là del ruolino di marcia, è stata una mattinata divertente per tutti quanti, una vera e propria festa dello sport. Il fine settimana, per gli under 10 – e per tutte le rappresentative giovanili amaranto – è proseguita con la recita goliardica ‘Natale in casa Lions’, svoltasi nella mattinata di domenica presso il teatro Quattro Mori. I giocatori – nati negli anni 2009 e 2010 – grandi protagonisti, sabato scorso, sul terreno salvianese: Morgan Pannese, Niccolo Giaconi, Gabriele Archibusacci, Diego Bellandi, Luca Brondi, Nicola Montino, Tommaso Bertolini, Achille Botti, Gabriele Pannocchia, Andrea Buscarino, Noemi Marchi, Filippo Serafini, Daniele Fabozzi, Fabio Cappanera, Mattia Gasparri, Andrea Buscarino, Aurora Donati, Alessandro Vasta, Manuel Marrone.

UNDER 8 LIVORNO

Su un campo amico ‘Maneo’ sferzato da un violento vento di libeccio, i giovanissimi atleti dell’under 8 del Livorno Rugby (classe 2011 e 2012) si sono esaltati. In questa seconda domenica del mese di dicembre, in un clima di grande divertimento, i ‘piccoli’ giocatori biancoverdi, sotto la guida degli instancabili allenatori-educatori Daniele Di Domenico, Andrea Scapaticci e Alessia Fraschetti hanno ospitato un riuscitissimo raggruppamento. Al via dell’evento anche le rappresentative del Firenze’31 e del Sesto Fiorentino. Superfluo sottolineare come in questa categoria, il dato delle mete messe a segno e di quelle incassate nell’arco delle mini-gare disputate abbia un valore del tutto relativo. Allegria, tanti sorrisi e – perchè no.. – un gioco brillante hanno caratterizzato l’intensa e memorabile mattinata. Questi atleti sono piccoli, ma hanno già compreso i veri valori dello sport della palla ovale. Questi i giocatori labronici ‘profeti in patria’: Mattia Battagello, Claudio Benedetti, Giorgio Benetti, Athos Bonucci, Andrea Campo, Giorgio Campora, Guido Chiesa, Raffaele Chiani, Lorenzo Danza, Pietro De Leonibus, Adele Del Moro, Tommaso Del Vivo, Valerio Giorgi, Tito Franceschi, Manuel Mazzotta, Pietro Marini, Ginevra Natale, Federico Napoli, Ryan Rosini.

 

 

CONDIVIDI SUBITO!