Collesalvetti 3 Marzo 2024

Sara Paoli lancia la sua campagna a sindaco di Collesalvetti

Sara Paoli lancia la sua campagna a sindaco di CollesalvettiCollesalvetti (Livorno), 3 marzo 2024 – Sara Paoli lancia la sua campagna a sindaco di Collesalvetti

“Insieme seminiamo il cambiamento, raccogliamo il futuro”. È questo lo slogan con il quale Sara Paoli, la trentaseienne vicarellese, attuale Assessore con delega al Bilancio e Politiche Finanziarie, Trasporti e Viabilità, Associazioni (non assistenziali), si è presentata alla cittadinanza in occasione del lancio della sua candidatura a Sindaca del Comune di Collesalvetti.

Oltre quindici i punti inseriti nel programma elettorale presentato alla Limonaia di Villa Carmignani, un luogo intriso di storia che la stessa Paoli ha raccontato. “Proprio qui, l’Avvocato Giulia Carmignani accoglieva gli sfollati e, proprio qui, prosegue quest’opera di inclusione e accoglienza con la trasformazione della Villa in sede di una comunità di recupero gestita dal Ceis che ringrazio per l’ospitalità”.

“Alle mie spalle ho un passato nel terzo settore a cui sono molto legata e che mi ha permesso di creare una rete di legami su questo territorio. Sono quasi trascorsi mille giorni da quando ho accettato di ricoprire il ruolo di Assessore, non senza difficoltà. Da subito, ho iniziato ad approfondire tutte le tematiche legate alla gestione delle risorse dell’ente e a fare da collante a quella splendida realtà associativa, fiore all’occhiello del nostro comune.

Sono consapevole che, per me, questo sarà un periodo impegnativo ma, il nostro, è un progetto solido che ci permetterà di rafforzare, con l’ausilio di nuove forze, la fiducia delle persone. Al mio fianco un’ampia coalizione formata da: Partito Democratico, + Europa, Italia Viva, Liberali Democratici Europei, Partito Socialista Italiano. L’augurio è che il lancio della mia candidatura sia l’opportunità per accogliere nella coalizione anche altri gruppi. Chi vorrà portare il proprio contributo nel rispetto dei valori e delle idee programmatiche che ci contraddistinguono, sarà il benvenuto.

Innovazione e difesa livelli occupazionali nel rispetto dell’ambiente. Nonostante la pandemia e le difficoltà legate alla crisi economica derivante dai conflitti in corso, siamo riusciti a raggiungere molteplici obiettivi, come, la definizione degli strumenti urbanistici, la riorganizzazione della raccolta dei rifiuti, il sostegno al reddito con aiuti alle famiglie in difficoltà. Il lavoro dei prossimi anni sarà caratterizzato da una profonda innovazione necessaria per intercettare risorse per nuovi investimenti. Uno tra tutti il settore ambientale e la transizione ecologica, non più rinviabile. Ciò che necessita di un cambiamento però, è anche la nostra macchina amministrativa, sia dal punto di vista organizzativo, sia da quello del lavoro quotidiano. Del resto, gli aspetti occupazionali e quelli ambientali, oggi non possono essere in contrasto e, in una visione green, va inquadrata la difesa dei livelli occupazionali nel nostro territorio con progetti che riguardano Eni, Interporto e la componentistica auto. Si tratta di progetti ex novo o di riconversioni che richiedono di essere seguite e monitorate dall’ente locale in collaborazione con le altre istituzioni e le parti sociali. Tutto questo legato al “buon lavoro”, un lavoro sicuro, stabile e di qualità.

Il turismo: un’opportunità da non perdere. In questi anni si sono sviluppate attività collegate al turismo, all’ambiente, al patrimonio storico: è un settore da sostenere, potenziare e gestire attraverso l’aiuto di un nuovo ambito quale quello turistico che racchiude Livorno, Capraia e Collesalvetti in un unico portale. L’istituzione della Riserva Naturale Regionale dei Monti Livornesi è un’ulteriore opportunità per reperire risorse adeguate ai fini della valorizzazione e fruizione dei beni presenti, come, l’Acquedotto leopoldino.

Welfare e Sanità. La gestione del welfare è uno dei nodi attorno al quale si sviluppano i valori di coesione che contraddistinguono una comunità: proprio per questo, nonostante i contributi statali destinati a questo scopo siano diminuiti, il welfare resta per noi una priorità. Occorre prevedere stanziamenti adeguati per garantire il contenimento della pressione fiscale per tutti i soggetti con basso reddito ed altre forme di aiuto attraverso i servizi comunali. Rientra in questo quadro il sostegno alle fasce più deboli per favorire l’inclusione sociale con interventi in grado di attenuare e, laddove possibile, superare i gravi squilibri attualmente esistenti e le nuove condizioni di povertà. Resta fondamentale la collaborazione con le associazioni di volontariato che operano in ambito sanitario e il proseguimento dei progetti di sanità pubblica territoriale già messi in campo, parallelamente alla riqualificazione dei centri civici, delle aree feste e fiere con l’obiettivo di salvaguardare le relazioni sociali favorendo l’aggregazione. Obiettivo principale è quello della creazione di una vera comunità che, attraverso l’abbattimento delle barriere, riesca a creare una rete fondata sui principi di condivisione, solidarietà e cooperazione.

Scuola, giovani, cultura e sport. La crescita dei nostri ragazzi passa dalle scuole. Continuerà a ritmo serrato la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici secondo le esigenze di ogni ordine e grado. Basti pensare che si contano cinque scuole per l’infanzia, cinque scuole primarie e due secondarie di primo grado. La formazione, però, passa anche da nuove collaborazioni mirate ad includere gli adolescenti: tra queste, progetti Erasmus e accordi con le università straniere finalizzati all’educazione musicale, sportiva e linguistica. Tra gli obiettivi, anche la valorizzazione del settore culturale e sportivo: necessaria la riapertura della Sala Spettacolo e il potenziamento degli impianti sportivi esistenti con la definizione di progetti pluriennali che puntino a far emergere nuove esperienze di aggregazione, unione e coordinamento tra le diverse realtà”.

Durante la sua presentazione Sara Paoli ha toccato anche temi importanti, quali, quello della sicurezza, dei diritti civili e della violenza di genere, del trasporto pubblico locale, del sistema infrastrutturale da completare e del valore dell’agricoltura. Un percorso che guarda, non solo allo sviluppo del territorio ma, soprattutto, al benessere della comunità.

Il comitato elettorale sarà aperto nelle prossime settimane a Vicarello, in via Galilei 161.

SVS 5x1000 2024
Inassociazione