Attualità 31 Maggio 2022

SENTENZE – Dire ai suoi superiori che un medico è “incompetente” non è reato di diffamazione

31 maggio 2022 – SENTENZE – Dire ai suoi superiori che un medico è “incompetente” non è reato di diffamazione

Rivolgere una critica ai superiori di una dottoressa, utilizzando il termine “incompetenza”  dopo essersi visti negare un trattamento medico che fino a quel momento era stato riconosciuto, non integra il reato di diffamazione, ma esercizio del diritto di critica.

Come sempre occorre tenere conto del contesto, inoltre nel  caso in esame, anche se i toni utilizzati sono stati sferzanti, non c’è stata offesa al patrimonio morale della dottoressa.

Questo quanto afferma la Cassazione con la sentenza n. 20206-2022

All’imputata è stato contestato di aver offeso un medico, in un ricorso che la donna ha indirizzato al Direttore Sanitario della Asl, all’Assessore regionale e al Dipartimento per la salute e il walfare della Regione,dove affermava una “manifestata inesistente competenza professionale e una illogicità linguistica.”

La Cassazione però annulla senza rinvio la sentenza perché il fatto non costituisce reato.

Dalla analisi dei fatti la Cassazione rileva che quanto evidenziato dal difensore dell’imputata sul diritto di critica è fondato

Per la Suprema Corte occorre contestualizzare le espressioni ingiuriose e verificare che i toni del soggetto agente, anche se aspri, non risultino del tutto gratuiti, ma siano pertinenti al tema della discussione e proporzionati al fatto e a quanto si vuole esprimere.

Nel caso in esame le frasi utilizzate dall’imputata sono state ritenute rientranti nei casi del diritto di critica e non in un attacco gratuito al patrimonio morale della professionista.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione