Elba 21 gennaio 2019

Sequestrate biciclette in porto all’isola d’Elba

“SEQUESTRO DI BICICLETTE IN PORTO”

Nella giornata di  venerdì 18 gennaio, gli uomini della Guardia Costiera di Portoferraio hanno effettuato una operazione destinata alla rimozione di numerose biciclette lasciate abbandonate in alcune aree del Porto di Portoferraio.

Precisamente, sono state rimosse le biciclette che erano state legate alle catene e paletti ornamentali del porto, sul ciglio banchina dal Molo Gallo alla banchina Calata Depositi sino alla Calata Italia.

In tutto sono state rimosse 11 biciclette di cui 7 classificate come rifiuto e consegnate al personale ESA (Elbana Servizi Ambientali), intervenuto in ausilio nel corso dell’operazione, per il successivo smaltimento.

I cicli sono stati rimossi perché depositati abusivamente sul suolo demaniale portuale, ma anche perché pericolosi per i fruitori del porto a causa del loro cattivo stato (molti risultavano essere coperti da ruggine e con ferri sporgenti).

Le restanti 4 biciclette, che si trovano in buono stato, sono state poste sotto sequestro amministrativo e depositate presso i locali giudiziari della Capitaneria di Porto di Portoferraio ove potranno essere ritirate, con le previste formalità dai proprietari.

Nei giorni precedenti erano stati apposti degli avvisi di rimozione sulle bici , per informare i ciclisti del divieto.

Con l’occasione la Capitaneria di Porto, favorevole all’utilizzo corretto di mezzi ecologici come le biciclette, invita, tuttavia, la cittadinanza a non depositare bici in prossimità delle banchine portuali, sia per motivi di decoro sia di sicurezza, ricordando in ogni caso che le norme del codice della navigazione prevedono per tale inosservanza sanzioni amministrative fino a cento euro.

CONDIVIDI SUBITO!

Lascia il tuo commento