Cronaca 10 Agosto 2019

Sgombero della torre della Cigna, Salvetti e Raspanti chiedono tempo

Il Tribunale chiede lo sgombero della torre dela Cigna, il sindaco Salvetti e l’assessore Raspanti: “Tempo e gradualità di intervento per far fronte all’emergenza”.

Livorno 10 agosto 2019 – Nel corso del Comitato di Ordine e Sicurezza Pubblica che si è svolto ieri mattina, giovedì 8 agosto in Prefettura, il sindaco di Livorno Luca Salvetti e l’assessore al sociale e alle politiche abitative Andrea Raspanti sono stati informati della decisione del

Tribunale di accogliere la richiesta dei legali della società San Teodoro, titolare di una importante porzione della Torre della Cigna, di un’istanza cautelare di immediato abbandono dell’immobile da parte delle famiglie che lo occupano. “ Abbiamo espresso con forza la nostra preoccupazione per una situazione che, per tutelare gli interessi di un grande soggetto privato, espone la città a una vera emergenza sociale” ha dichiarato l’assessore Raspanti “Nel corso del precedente Cosp avevamo avanzato la richiesta della convocazione della Cabina di Regia per definire una programma graduale che permettesse all’Amministrazione comunale di far fronte all’esigenza di gestire un progressivo rientro della situazione cittadina nella normalità, mettendo bene in chiaro che gli sforzi dell’Ente sono al momento concentrati sulla liberazione della Chiccaia, che molte delle famiglie sgomberate dal Picchetto sono ancora senza una soluzione alloggiativa stabile e che il Comune non è in grado al momento di far fronte ad altre emergenze. Nella seduta di ieri abbiamo rinnovato la richiesta della Cabina di regia e chiesto alla proprietà di procedere immediatamente alla messa in sicurezza dei rivestimenti esterni dell’immobile, dal momento che il provvedimento del tribunale è motivato da questioni legate alla tutela dell’incolumità degli occupanti. Abbiamo inoltre ribadito con convinzione che il Comune non è al momento in condizione di garantire una risposta sociale all’altezza della situazione, laddove un programma di più ampio respiro permetterebbe una gestione pacifica del processo di rientro nella legalità che è incluso nelle linee di mandato dell’Amministrazione. La situazione abitativa livornese è complicata ed estremamente precaria: non può rimettersi in sesto se “subisce” colpi che farebbero vacillare anche assetti sociali molto più solidi. È nostra intenzione affrontare ogni situazione, ma con i tempi e i modi migliori nell’interesse della città che siamo chiamati a rappresentare. Gli interessi privati, per quanto legittimi, devono essere armonizzati con l’esigenza prioritaria di tutelare la coesione sociale della comunità, secondo quando previsto anche dalla nostra Costituzione.”

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione