Aree pubbliche 8 Giugno 2018

Stalli blu, Confcommercio: “Avranno sulla coscienza più di un’impresa. La nostra battaglia non è finita”

“I commercianti cominciano adesso a rendersi meglio conto dei disagi che creeranno i nuovi stalli blu, e del resto hanno sempre continuato a sperare, come noi, che il Comune mandasse infine un segnale alle categorie economiche, invece ha ignorato ogni richiesta di incontro. Quando ormai sarà tardi e raccoglieremo i cocci di questa caparbietà e incapacità di ascolto”. Il presidente provinciale Confcommercio Alessio Carraresi torna a ribadire la contrarietà alle strisce blu nelle nuove zone.
“Le aziende saranno pressoché private della sosta gratuita. I commercianti, i professionisti e gli agenti di commercio faranno gimkana per evitare ZTL, spenderanno cifre astronomiche per parcheggiare, condurranno trattative e consegneranno merci con il timer. Le “concessioni” per le imprese nelle fasce 7:30-10:30 e 15-16 non risolvono certo i problemi che abbiamo più volte sottolineato. Per continuare a operare nel centro, le aziende che movimentano merci voluminose e pesanti come mobili ed elettrodomestici è importante usufruire di una fascia di sosta gratuita quantomeno più ampia. Un’azienda che effettua consegne a domicilio e deve per necessità parcheggiare il furgone nei pressi della propria sede andrà a spendere intorno ai 6000 euro all’anno al netto del contrassegno. E durante le ferie e i periodi di chiusura dove dovrebbe venire parcheggiato il mezzo?
Le difficoltà della movimentazione merci, della consegna gratuita e del parcheggio sono incalcolabili per i commercianti del centro, ma non solo per loro.
Ricordiamo da mesi che il servizio di consegna ha un impatto positivo e non negativo su viabilità e ambiente perché un solo mezzo che raggiunge i clienti permette loro di non spostarsi in auto. Per non parlare del valore sociale delle consegne a domicilio per le categorie di anziani e diversamente abili.
Perché in un momento di forte crisi del commercio si è smesso di ascoltare le associazioni della categoria?
Evidentemente il Comune ha deciso di puntare tutto sui centri commerciali della grande distribuzione e nonostante i proclami non ha voluto avviare chiesto una riflessione per agevolare (invece che ostacolare) il commercio di vicinato e le strutture turistico-ricettive di Livorno centro.

Non ci arrendiamo, anzi invitiamo tutti gli esercenti interessati a contattarci in via Serristori 15 per un confronto sulle azioni da intraprendere“.

CONDIVIDI SUBITO!