Cronaca 19 Novembre 2022

SVS inaugura un centro Alzheimer a Livorno, moderno ed efficiente, all’avanguardia a livello regionale

Livorno 19 ottobre 2022

Inaugurato il primo Centro diurno per malati di Alzheimer a Livorno, il presidente del Rotary Livorno, Gian Luca Rossi: “Era importante offrire alla città questa forma di sostegno”

Ieri, venerdì 18 novembre, è stato inaugurato il primo Centro diurno per malati di Alzheimer a Livorno grazie all’impegno dell’Svs e di tutti gli altri importanti partner che con il loro fattivo contributo hanno dato vita a questa realtà.

Marida Bolognesi, presidente di SVS Pubblica Assistenza Livorno dichiara:

“Il Progetto del Centro Alzheimer SVS al Porto, dedicato alle persone con demenza, si propone come un ambiente in grado di accogliere e contribuire al ben-essere delle persone che lo frequenteranno sia come ospiti, sia per coloro che lo vivranno come lavoratori.

Per questo motivo, dell’esperienza maturata negli ultimi anni, si è elaborato un progetto che di fatto, diventerà il primo Centro Diurno in Toscana concepito seguendo i principi di progettazione terapeutica propri dei centri specializzati già presenti in Nord Europa e nei paesi anglosassoni.

L’ambiente entra in relazione con le persone giocando un ruolo fondamentale nello svolgimento di quelle attività che gli Educatori e gli Operatori andranno a proporre agli ospiti del Centro stesso.

Far sì che gli spazi non restino mero sfondo in cui le persone passano il loro tempo, ma diventino un vero e proprio STRUMENTO da utilizzare come una terapia che contribuisca a minimizzare i disturbi del comportamento legati alla demenza.

Perché questo luogo possa essere definito terapeutico è stato dotato, oltre che di arredi pensati per persone con demenza, di colori che possano favorire l’orientamento, di immagini evocative che richiamino la memoria di luoghi conosciuti per rassicurare gli ospiti e orientarli e di attività dedicate ai disturbi del comportamento, quali ad esempio, l’affaccendamento.

Vi sono anche veri e propri presidi medici riconosciuti dal Ministero della Salute come il contenitore della TERAPIA DEL VIAGGIO che, simulando un vero viaggio in un vagone di un treno degli anni 70/80, favorisce l’emergere di memorie del lontano passato.

 

Continuando con i presidi medici troviamo Le POLTRONE IREMIA, che evitano lo scivolamento in avanti e favoriscono l’eliminazione della contenzione, o la STANZA PER LA TERAPIA VIBROACUSTICA in cui musicoterapia e cromoterapia si uniscono ad uno speciale meccanismo che consente di far entrare in risonanza il corpo e favorire l’attivazione o il rilassamento secondo il momento.

Inoltre il centro si è dotato di bambole appositamente pensate – e anch’esse presidio medico – per la Doll Therapy.

SVS al Porto ha puntato sull’insieme delle Terapie Non Farmacologiche dedicate alla demenza, prima fra tutte l’ambiente che da contenitore diventa parte attiva nella presa in carico degli anziani, e anche delle famiglie e caregiver.

Ringraziamo chi, ha permesso di realizzare questa opera unica nel nel suo genere, permettendoci ancora una volta di essere al fianco dei bisognosi e delle loro famiglie”

Il Rotary Club Livorno ha contribuito alla realizzazione di questo Centro diurno per malati di Alzheimer con la creazione, all’interno del Centro stesso, della Terapia del viaggio”

La Terapia viaggio rappresenta il progetto principale del  Rotary Club Livorno per l’anno rotariano 2022-23 e consiste in una ricostruzione fedele di un comparto ferroviario degli anni Settanta, con tanto di sala di attesa di una stazione, al suo interno. al posto del finestrino è riprodotto realisticamente un vero viaggio:

una terapia non farmacologica che aiuta la persona, permettendole di intraprendere un’esperienza di viaggio verso la propria casa.

“Era importante, a mio avviso, individuare e realizzare forme di sostegno offrendo all’anziano un contesto in cui poter essere accolto ed assistito e nel contempo alleggerire i caregiver familiari”.  Ha commentato Gian Luca Rossi, presidente del Rotary Club Livorno.

“Abbiamo trovato in Svs Livorno il partner ideale che con entusiasmo e lungimiranza ha permesso la costruzione e l’accreditamento del Centro diurno Alzheimer presso i locali al piano terra del Palazzo dei Portuali, in un ambiente luminoso, accogliente ed innovativo nel suo genere.

Il Rotary Club Livorno, che si appresta a festeggiare i 100 anni, insieme ad Svs Livorno, con gli oltre 130 anni di attività, danno sicuramente garanzia di un progetto valido e duraturo nel tempo.

La missione rotariana “servire al di sopra di ogni interesse personale” si traduce nella realizzazione di progetti sostenibili e duraturi a favore dell’ambito territoriale nel quale il Club opera. – Conclude Rossi

Le parole del sindaco Luca Salvetti: “Un nuovo centro Alzheimer a Livorno, moderno ed efficiente, all’avanguardia a livello regionale.

Un centro che nasce perché sono successe due cose. Sicuramente la capacità di un privato di investire e l’SVS con la Presidente Bolognesi lo ha fatto con lungimiranza, ma prima ancora un lavoro di programmazione socio-sanitaria integrata che ha: 1) analizzato i bisogni; 2) preso la decisione politica di intervenire su questo particolare bisogno, che riceveva risposte insufficienti; 3) reperito le risorse pubbliche (Comune e Azienda ASL) per garantire il servizio.

Grazie a questo centro il numero di posti in centri diurni per persone con Alzheimer su Livorno è più che raddoppiato.

Un momento, quello dell’inaugurazione, in cui ricordare come la nostra città abbia una grande sensibilità e una grande forza nell’aiutare tutti e soprattutto le categorie più fragili”.

 

CONDIVIDI SUBITO!
@labrolens · Negozio di occhiali da sole e da vista
Inassociazione
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua