Politica 6 Agosto 2020

Tenerini: “Livorno, ancora spari e violenza. Il governo della città non può continuare a negare uno stato di allarme da far west” 

Chiara tenerini

Chiara Tenerini

Livorno 6 agosto 2020 – Chiara Tenerini, Forza Italia interviene sulla sicurezza a Livorno e provincia:

“Per la sicurezza servono: un presidio costante e strutturato del territorio; un centro di identificazione e in caso, provvedimenti di espulsione immediata. E’ inutile che il PD continui a negarlo, la criminalità è molto spesso in mano a soggetti che irregolarmente vivono in Italia

“A Livorno città e in provincia, i reati perpetrati alla luce del giorno sono ormai notizia quotidiana.

Non passa giorno che le cronache della città non registrino intimidazioni, risse, furti con scasso se non addirittura sparatorie… 2 in pochi giorni, questo ha dell’incredibile.

L’abuso di alcool e di sostanze stupefacenti fra i giovani è un problema sociale gravissimo e preoccupante. A questo problema dobbiamo porre soluzioni concrete, senza perdere altro tempo.

L’inerzia atavica delle forze di sinistra su questi temi non è più accettabile.

 

Il continuo sbandierare una (finta) ideologia di integrazione, mai attuata né realisticamente attuabile perché la situazione è completamente degenerata nella delinquenza organizzata, ha davvero fatto il suo tempo, sarebbe l’ora di cambiare registro perché non ci crede più nessuno!

La parte dei cattivi, tacciati pretestuosamente di razzismo, spetta a noi del centro-destra che, invece, chiediamo solo interventi per proteggere i cittadini da un clima da far west che pervade la quotidianità dei Livornesi.

Non possiamo tollerare questa situazione; non accettiamo nessuna lezione di civiltà da una sinistra che non protegge la serenità e la sicurezza delle proprie famiglie e i propri cittadini. Inutile pertanto spostarla sempre sul piano ideologico, come ama fare il PD e la sinistra tutta.

Noi siamo per la legalità e per tentare di ristabilire un clima di vivibilità nel nostro territorio, senza guardare in faccia al colore di nessuno né al passaporto.

Chi delinque non chiede integrazione ma prevarica con la violenza e impone alla società la sua “sgradita presenza”. Nonostante i ripetuti appelli a questa amministrazione, rimasti lettera morta, confermiamo la nostra volontà a sostenere un urgente piano, serio e strutturato, per arginare e risolvere questo problema. Chiediamo anche al Prefetto di ascoltare le proposte che vengono dai cittadini e anche dalle altre forze politiche come FI, di Istituire immediatamente un presidio territoriale costante da parte delle Forze dell’Ordine, che non è più rimandabile”.

 

 

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom offerte 6-12 aprile
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento