Elba 1 Dicembre 2022

Tribunale Elba: Tenerini incontra viceministro Sisto, scongiurata l’immediata chiusura

Tribunale isola d’Elba: l’onorevole Chiara Tenerini incontra il viceministro Sisto, scongiurata l’immediata chiusura del tribunale.

 

Roma 1 dicembre 2022

“Dopo aver avviato, con la presentazione di un atto urgente in Parlamento, la richiesta di proroga per mantenere aperto il Tribunale di Portoferraio, questa mattina ho incontrato il Viceministro alla Giustizia Paolo Sisto.”

Lo dichiara la deputata di Forza Italia Chiara Tenerini.

“All’incontro hanno presso parte Paolo Di Turzi, Presidente degli Avvocati dell’Isola D’Elba; Adalberto Bertucci, Coordinatore locale di Forza Italia; Angelo Zini, Sindaco di Portoferraio e Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Isola D’Elba; Riccardo Gullo Sindaco di Lipari, Isola con la stessa difficoltà” ha continuato la deputata.

“Abbiamo ricevuto le rassicurazioni da parte del Viceministro in merito ad una veloce risoluzione del problema”. – Sottolinea la deputata.   “Sono lieta che il Governo oggi in Senato abbia confermato tali propositi evidenziando di aver previsto all’interno del prossimo provvedimento Milleproroghe la proroga al 31 dicembre 2023 di tutte le sezioni a rischio chiusura; inclusa quella di Portoferraio.

Sono altresì lieta nell’apprendere che l’Esecutivo così come noi di Forza Italia chiediamo da tempo, valuterà in modo attento e puntuale la possibilità di un ripristino definitivo di tutte le sezioni su citate

I cittadini elbani hanno il giusto diritto alla giustizia. E’ fondamentale che sia concessa loro possibilità di esercitare un diritto fondamentale e garantito dalla Costituzione alle stesse condizioni di tutti gli altri cittadini ed evitare conseguenze molto pesanti in termini di economicità ed efficienza”.

Per concludere: “Per questo lo ringrazio e ringrazio anche l’On. Bergamini per aver sempre sostenuto questa battaglia di civiltà e di giustizia per l’Isola d’Elba e per tutte le Isole minori” “

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom black week fino al 4 dicembre
Inassociazione