Rubriche 5 Marzo 2020

Un grande asteroide volerà vicino alla Terra il prossimo mese, ma non ci colpirà, rassicura la NASA

Scienza – Il 29 aprile 2020, un asteroide stimato tra 1,1 e 2,5 miglia di larghezza volerà sopra Terra.

L’asteroide grande quanto il Monte Everest si chiama 52768 (OR2 1998) ed è stato individuato per la prima volta nel 1998. Passerà entro 3.908.791 miglia dalla Terra, spostandosi a 19.461 miglia all’ora.

Il flyby dovrebbe avvenire mercoledì 29 aprile, alle 4:56 ET, secondo il Center for Near Earth Object Studies della NASA.

L’asteroide è stato classificato come un oggetto potenzialmente pericoloso perché passa vicino all’orbita terrestre, ma non è attualmente nell’elenco della NASA di potenziali eventi di impatto terrestre futuri.

I potenziali asteroidi che potrebbero impattare con la Terra  vengono monitorati dal Sentry System della NASA, “un sistema di monitoraggio delle collisioni altamente automatizzato che analizza continuamente il catalogo di asteroidi più aggiornato alla ricerca di possibilità di impatto futuro con la Terra nei prossimi 100 anni”.

È l’asteroide 52768 (OR2 1998)   che passerà vicino alla Terra entro i prossimi due mesi è enorme, ma non è il più grande di sempre.

Tale onore appartiene all’asteroide 3122 Florence (1981 ET3), che volò e fortunatamente perse la collisione con la Terra il 1 settembre 2017.

3122 Florence (1981 ET3) farà di nuovo un altro passaggio il 2 settembre 2057. Si stima che l’asteroide sia compreso tra due e un mezzo e cinque miglia e mezzo di larghezza.

Oltre a localizzare gli oggetti vicino alla Terra che potrebbero costituire una minaccia, la NASA e altre agenzie hanno attualmente in corso missioni per studiare gli asteroidi vicino alla Terra e potenzialmente mitigare il pericolo di una collisione. Conoscere le dimensioni e l’orbita di un asteroide è la battaglia principale, in quanto consente la previsione di oggetti vicino alla terra.

Quest’anno, l’Osservatorio Vera C. Rubin sarà online e consentirà la scoperta di decine di migliaia di asteroidi in orbite che potrebbero avvicinarli alla Terra, ha affermato Ed Lu, direttore esecutivo dell’Asteroid Institute e ex astronauta della NASA. “È un momento entusiasmante per la difesa planetaria perché siamo sull’orlo di un’inondazione assoluta di nuove osservazioni che ci consentiranno di rintracciare 10 volte più asteroidi di quanto non abbiamo mai tracciato prima”,

Missioni come OSIRIS-REx della NASA e Hayabusa2 del Giappone stanno esplorando asteroidi nel nostro sistema solare e mirano a riportare campioni sulla Terra nei prossimi anni.

Sono previste anche altre missioni: Il DART della NASA, che sta per Double Asteroid Redirection Test, è un test di difesa planetaria per impedire a un asteroide di colpire la Terra. DART, che ha una finestra di lancio aperta nel luglio 2021, visiterà un sistema binario di asteroidi in cui due asteroidi orbitano l’uno attorno all’altro

DART si schianterà contro un moonlet (un piccolo satellite naturale) di un asteroide (Didymos) vicino alla Terra, di dimensioni paragonabili a un asteroide che potrebbe costituire una minaccia.
La missione complementare di Hera dell’Agenzia spaziale europea misurerà con precisione il modo in cui ha cambiato la velocità dell’asteroide più grande e studierà il cratere di impatto di DART sul moonlet.

CONDIVIDI SUBITO!