Cronaca 12 Febbraio 2021

Vaccinazioni over 80, saranno i medici di famiglia a eseguirle a partire da lunedì prossimo

Negli ambulatori o nelle strutture dell'Asl. Per alcuni pazienti anche a domicilio

vaccino covid modernaFirenze-Livorno, 12 febbraio 2021 –

I rappresentanti dei medici di medicina generale hanno firmato il pre-accordo che li vedrà impegnati nelle vaccinazioni per il Covid-19:

da subito per gli ultraottantenni e successivamente magari per i toscani più giovani ma a rischio o giudicati fragili per via di particolari patologie.

La Toscana è la prima a farlo. L’intesa – per la Regione c’era l’assessore Bezzini – è stata sottoscritta al momento da Fimmg e Snami, rappresentati da Alessio Nastruzzi e Alessio Lambardi. Altre sigle potranno aggiungersi nei prossimi giorni.

I medici di famiglia vaccineranno i loro pazienti nei propri studi oppure in strutture idonee individuate e messe a disposizione dalle aziende sanitarie.

Le vaccinazioni, non obbligatorie (e per cui serve pertanto un consenso) ma fortemente consigliate, saranno programmate durante la settimana e potranno essere svolte anche a domicilio, tenuto conto delle condizioni del paziente.

Gli over 80 si vaccinano al momento con Pfizer-BioNTech o Moderna. Si partirà da lunedì 15 febbraio,

gradualmente per poter ben oleare tutti i meccanismi, e i medici potranno garantire capillarità sul territorio, conoscenza dei propri assistiti e rapporto personale: tre indiscutibili valori aggiunti.

Il vaccino e tutto il materiale necessario, compresi i dispositivi di protezione individuale e i farmaci per contrastare eventuali reazioni allergiche importanti, saranno distribuite presso le farmacie convenzionate e da lì ai medici, che sui loro computer avranno un cruscotto con evidenziati tutti gli ultraottantenni tra i propri assistiti.

 

L’agenda terrà conto delle dosi in quel momento disponibili. La prenotazione del richiamo, a 21 o 28 giorni a seconda del vaccino, sarà elaborata in automatico dal sistema. Per le prime tre settimane saranno garantiti almeno sei dosi ogni sette giorni per ciascun medico.

“Dobbiamo ringraziare tutti questi professionisti per la disponibilità, la responsabilità e la collaborazione” commentano il presidente della Toscana Eugenio Giani e l’assessore alla salute Simone Bezzini. “I nostri sforzi sono tutti protesi – aggiungono – a dari vita alla migliore campagna vaccinale possibile e portare il vaccino il più vicino al cittadino. L’obiettivo finale è garantire la copertura vaccinale di tutta la popolazione toscana”. E per questo si lavora in contemporanea su più fronti: quello, partito per primo, degli operatori sanitari e socio-sanitari e del personale e degli ospiti delle Rsa (per quest’ultimi la vaccinazione è quasi completa, anche con i richiami), quindi il personale delle scuole e delle università e le forze armate e di polizia tra 18 e 55 anni, come indicato dal Governo e le cui vaccinazioni, con AstraZeneca, sono partite oggi. Da lunedì, per l’appunto, sarà la volta degli ultraottantenni.

Un anno fa, dati Istat, erano complessivamente oltre 320 mila i residenti toscani ricompresi in questa fascia di età, l’8,68 per cento dell’intera popolazione.

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione