Cronaca 19 Dicembre 2020

Via libera al Cammino di Santa Giulia, l’ok al progetto storico-escursionistico nel territorio livornese

Lavoro dell’ufficio Turismo insieme all’associazione CSG

Via libera al Cammino di Santa Giulia

Dal Consiglio Comunale l’ok al progetto storico-escursionistico nel territorio livornese

santa giuliaLivorno, 19 dicembre 2020

Il consiglio comunale nella sua ultima seduta ha approvato, per la parte ricompresa nel territorio labronico, il progetto relativo al Cammino di Santa Giulia.

Si tratta, nella sua estensione totale, di un tracciato escursionistico di 472 km, in 25 tappe, che attraversa 3 regioni – Toscana, Emilia e Lombardia – 8 province e 62 comuni.

Il progetto, che ha come scopo la realizzazione e la gestione di un itinerario storico, naturalistico e spirituale, evocativo della traslazione dall’isola di Gorgona fino a Brescia del corpus Sanctae Iuliae voluta dagli ultimi regnanti longobardi, Desiderio e Ansa nel 762 d.c., è promosso dall’associazione CSG ( il Cammino di Santa Giulia).

Grazie al lavoro svolto dall’ufficio Turismo insieme all’associazione CSG e alla collaborazione degli appassionati e delle guide locali, il progetto si è concretizzato.

L’assessore al Turismo del Comune di Livorno, Rocco Garufo afferma:

“Con questo passo andiamo ad arricchire l’offerta turistica di Livorno puntando su un prodotto come quello del turismo religioso; che è un segmento molto promettente nel mercato dei flussi nazionali e internazionali”.

In Toscana il cammino attraversa 16 comuni:

Livorno, Collesalvetti, Cascina, Calci, Vicopisano, Buti, Capannori, Lucca, Villa Basilica, Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca, Coreglia Antelminelli, Barga, Fosciandora; Pieve Fosciana e Castiglione di Garfagnana.

L’iter per il riconoscimento ufficiale del tracciato ha preso le mosse lo scorso gennaio a Livorno nella sala magistrale dell’Arciconfraternita di Santa Giulia e SS. Sacramento.

 

La procedura richiede l’approvazione del progetto da parte dei Consigli Comunali – ad oggi hanno dato il via libera 14 Amministrazioni su 16 – in modo da consentire l’inserimento del Cammino negli appositi piani urbanistici.

Con la delibera di approvazione è stata adottato anche uno schema di convenzione con il quale si riconosce che il Comune capofila del progetto è Villa Basilica, che l’itinerario diviene un “prodotto turistico omogeneo”, che l’associazione il Cammino di Santa Giulia è l’ente ufficiale riconosciuto.

Ora affinché il Cammino di Santa Giulia possa rientrare nel circuito regionale dell’offerta turistica e quindi essere promosso dall’Agenzia regionale serve il passaggio in Regione.

CONDIVIDI SUBITO!
EKOM Promozioni 11-24 maggio
SVS 5x1000
Inassociazione

Lascia il tuo commento