Aree pubbliche 23 Novembre 2017

Dossier inquinamento, le Brigate rispondono al Comune di Collesalvetti

Richiesto anche un incontro pubblico con l’amministrazione e i residenti di Stagno

Comunicato stampa Brigate Solidarietà Attiva 

“In merito al comunicato stampa dell’Amministrazione Comunale di Collesalvetti in risposta al dossier da noi pubblicato in data 14/11/2017, come Brigate di solidarietà Attiva riteniamo necessario ribadire che:

La certezza del comune di Collesalvetti con cui esclude la contaminazione di idrocarburi nel cortile dei condomini Ex-Ina di Stagno è del tutto infondata. Non c’è stata infatti alcuna indagine analitica da parte dei soggetti preposti, se non una semplice ispezione visiva, come da noi detto e dal comune confermato, al momento della rimozione delle acque. Quest’ultima resta l’unica iniziativa intrapresa dalle autorità in termini di informazione, contenimento, bonifica, quando invece, indipendentemente dalla fonte di tale contaminazione, la plausibile presenza di idrocarburi pesanti rendeva necessario un intervento. Le “11 auto parcheggiate nel cortile” citate dall’Amministrazione, semmai possono aver contribuito all’inquinamento ma non possono essere l’unico fattore in un contesto compreso nel SIN e a valle di un bacino alluvionale, quello dell’Ugione, su cui sono presenti numerose attività industriali.

La critica che l’Amministrazione del comune di Collesalvetti rivolge al nostro documento riguarda la “qualifica” dei volontari che hanno effettuato i prelievi dei campioni che poi sono stati sottoposti ad analisi chimiche. Ricordiamo che i campioni di terreno sono stati prelevati da i nostri volontari seguendo indicazioni di esperti, sia esterni che interni al nostro gruppo ricerca e inchiesta, con modalità che sono state presentate con chiarezza nel documento. Se i soggetti preposti avessero compiuto prelievi e analisi con personale “qualificato” non ci sarebbe probabilmente stato bisogno di condurre un’indagine indipendente.

Appellarsi a questioni puramente formali non può liberare l’Amministrazione dalle responsabilità politiche. Il piano di emergenza interno ed esterno previsti dalla legge Seveso, come confermato anche da Enrico Rossi, non hanno funzionato. Si è vista improvvisazione e impreparazione nel mettere in pratica quegli interventi che avrebbero potuto ridurre il rischio di incidente industriale, che si è verificato, e il rischio idraulico dell’area. 

Per questo invitiamo l’Amministrazione a dare una risposta concreta al fatto che nessun cittadino di Stagno si dichiara preparato ad un’eventuale emergenza proveniente dalla Raffineria”.

“Si rileva inoltre che nel suo comunicato l’Amministrazione del Comune di Collesalvetti non ha risposto alla questione da noi sollevata riguardo il disastroso assetto idrogeologico della zona.

Per questo chiediamo un confronto pubblico, a cui gli stessi residenti di Stagno sarebbero felici di partecipare, che analizzi quanto accaduto in occasione dell’alluvione”.

Gruppo Ricerca Inchiesta delle Brigate di Solidarietà Attiva – Livorno

LINK:
– il nostro dossier  “[AlluvioneLivorno] Salute, inquinamento e rischio di incidenti: i fattori ignorati dalleistituzioni”: http://brigatesolidarietaattiva.net/2017/11/14/alluvione-livorno-salute-inquinamento-rischio-incidenti-fattori-ignorati-dalle-istituzioni/

CONDIVIDI SUBITO!