Cronaca 8 Febbraio 2022

La Cgil difende Mahmood: “Sia vituperato chi ne pensa male” 

Sia vituperato chi ne pensa male” 

Piombino (Livorno), 7 febbraio 2022

L’assessore Carla Bezzini del Comune di Piombino forse non ha chiaro il concetto di pari opportunità (lanciato dai movimenti femministi, è diventato legge con la L.125/1991).

Il concetto di discriminazione indiretta (ma nel caso della dichiarazione di Bezzini nei confronti di Mahmood siamo di fronte ad una discriminazione diretta); è stato spiegato e delineato con precisione dalla legge in questione, e nella stessa si indicano anche i processi culturali, amministrativi e politici per superarla.

I comportamenti discriminanti si combattevano e si continuano a combattere tutt’oggi, grazie ad una normativa estesa e attualizzata, seppur non esaustiva.

 

La dichiarazione di Bezzini.- “Giro su Rai1 e mi trovo davanti Mahmood e la sua “voce fastidiosa”. Con le giarrettiere. Spengiamo che è meglio”.- ci riporta indietro alle deportazioni di gay e lesbiche, per non parlare delle condizioni di tutto il mondo LGBT che viveva nell’ombra e nella vergogna.

E’ inoltre interessante sottolineare che esiste un Ordine della Giarrettiera presieduto da Elisabetta II.

 

Come lo stesso nome suggerisce, lo stemma dell’Ordine è una giarrettiera con sopra scritto il motto Honi soit qui mal y pense (“Sia vituperato chi ne pensa male”).

Non conoscenza e pregiudizio non vanno d’accordo con i tempi che viviamo e con la storia che purtroppo siamo stati costretti a subire

 

Chi riveste un incarico pubblico – non importa se di destra o di sinistra – ha il dovere non solo di di rappresentare tutti, ma anche di dimostrare rispetto e volontà di inclusione.

Segreteria Cgil provincia di Livorno

CONDIVIDI SUBITO!
Ekom, promozioni 21 giugno – 4 luglio
Banner 730 caf usb
Banner 5x1000 svs 2022
Precisamente a Cala Beach
Yogurteria Fiori Rosa: con Deliveroo crepes, yogurt e gelato a casa tua
Inassociazione