Cronaca 16 maggio 2018

Ordinanza dighe, sanzioni da oltre 2000 euro

La contestata ordinanza n.11 è ora esecutiva a tutti gli effetti. Sono stati infatti ufficialmente esposti i cartelli che proibiscono l’accesso e l’ormeggio alle dighe. La sanzione per chi violerà la disposizione sarà molto alta. In questo caso si applica infatti l’art. 1174 del Codice della Navigazione

Art. 1174 – Inosservanza di norme di polizia
Chiunque non osserva una disposizione di legge o di regolamento, ovvero un provvedimento legalmente dato dall’autorità competente in materia di polizia dei porti o degli aeroporti, è punito, se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire due milioni a lire dodici milioni .
Se l’inosservanza riguarda un provvedimento dell’autorità in materia di circolazione nell’ambito del demanio marittimo o aeronautico, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire centomila a lire seicentomila.
Chiunque non osserva una disposizione di legge o di regolamento, ovvero un provvedimento legalmente dato dall’Autorità competente in materia di sicurezza marittima, quale definita dall’articolo 2, n. 5), del regolamento (CE) n. 725/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, è punito se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.032,00 a euro 6.197,00.

La sanzione applicata normalmente è   il doppio del minimo o un terzo del massimo. Nel caso specifico le due opzioni coincidono con 2064 euro. Non sono previste sanzioni minori, anzi. L’ordinanza specifica “salvo il fatto non costituisca più grave violazione”.

Le forze autorizzate ad irrogare le sanzioni sono la Guardia di Finanza, la Guardia Costiera e la Polmare.

Il provvedimento, oggetto di una manifestazione di protesta, era stato adottato dall’Autorità di Sistema per la pericolosità dell’area che reca parti franate e parti di ferro esposte. Non si conosce ancora se, a lavori di manutenzione terminati,  potrà essere riservato in futuro un piccolo spazio per l’ormeggio e le gare di pesca in un settore più sicuro.

Ordinanza n.11

Lascia il tuo commento